Partenza con il botto per l’Accademia di Scienze Psicografologiche del Magentino

    129

    MAGENTA –  Tante, tantissime persone, ieri sera, hanno tenuto a battesimo l’Accademia di Scienze Psicografologiche del Magentino. In una Casa Giacobbe letteralmente “imballata” i due protagonisti dell’evento Irene Bertoglio e Giuseppe Rescaldina hanno spiegato il perché di questa nuova proposta culturale che nasce a Magenta e si presenta come unica. In principio, è davvero il caso di dirlo, fu  “Il corsivo, encefalogramma dell’anima”  volume edito da ‘La Memoria del Mondo’ e scritto a quattro mani da Bertoglio e Rescaldina.

     

    Un libro che ha avuto molto successo e che ha messo in evidenza quanto sia importante per la formazione della personalità dell’individuo – tanto più in giovane età – “mollare il computer” e tornare alla penna per il “bene della nostra anima e del nostro cervello“. Concetti che sono stati meglio esplicitati nel corso della serata. Nutrito il parterre di ospiti anche istituzionali. Vedi l’ex Sindaco Luca Del Gobbo, oggi Consigliere regionale e docente del corso di comunicazione politica,  o il primo cittadino Chiara Calati (assieme a numerosi assessori e consiglieri presenti in sala) e poi ancora la presidente dell’Università del Magentino Virginia Bonasegale e Pietro Pierrettori ‘presidentissimo’ della Pro Loco. Impossibile ricordarli tutti e perciò chiediamo venia in anticipo. 

    Quindi, l’illustrazione dei corsi davvero per tutti i gusti. Vedi le locandine sottostanti:

     

     

     

     

     

     

     

     

     

     

     

     

     

     

     

     

     

     

     

     

     

     

     

     

    Da segnalare il corpo docenti davvero ben assortito e di spessore. Ieri sera tra gli altri erano presenti Rodolfo Casadei, Susanna Primavera, Luca Del Gobbo,  Maria de Vecchi, Emanuela Nisli. Ognuno ha portato il proprio contributo focalizzando l’attenzione dei presenti sui diversi corsi. Da segnalare inoltre le uscite organizzate dall’Accademia. In particolar modo quella del 4 maggio 2019 all’Officina della Scrittura di Torino. Mentre per chi vuol “restare in zona” si può optare sul corso sui Fiori di Bach (11,18 e 19 maggio) con uscita nel Parco del Ticino. Basta cercare e troverete quello che fa per voi….Per ogni ulteriore informazione vi rimandiamo a https://psicografologia.wordpress.com/

    F.V.

    Articolo precedenteAbbiategrasso, omicidio Marco Perini: dopo 18 anni la Procura chiede l’archiviazione
    Articolo successivoLa Busto Bpm Sport Management batte anche la Dynamo Lviv nel round 1 di Champions League .