+Parlando col quotidiano della borghesia milanese, Letizia Moratti dice e non dice. ‘Attendo una risposta’

249

MILANO  “Mi sono messa a disposizione come ho fatto in passato quando mi è stato chiesto. Dall’impegno in Regione Lombardia a gennaio 2021 come vicepresidente e assessore al Welfare alla candidatura per la presidenza della Repubblica lo scorso febbraio. Per non citare i ruoli passati come sindaco di Milano e ministro dell’Istruzione”.

Così Letizia Moratti in un’intervista al Corriere della Sera, in merito alla disponibilità a candidarsi per le regionali lombarde per il centrodestra, nonostante Salvini abbia ribadito che il candidato resti Fontana. “Sono a disposizione secondo principi di rispetto e lealtà sino a quando verrà fatta una scelta definitiva. Ritengo di poter offrire, anche con una mia importante rete civica già attiva, un valore aggiunto alla Lombardia, come ho dimostrato in un anno e nove mesi di lavoro”, sottolinea. Rispetto a un’ipotesi fuori dal centrodestra, replica: “Confermo la mia disponibilità in un’ottica di lealtà fino a quando non mi sarà data una risposta definitiva”.

Ieri  il leader della Lega, Matteo Salvini, ha ribadito che il candidato è l’attuale presidente di Regione, Attilio Fontana. Alla domanda se la sua candidatura sia ancora sul piatto, risponde: “Sono a disposizione secondo principi di rispetto e lealtà sino a quando verrà fatta una scelta definitiva. Ritengo di poter offrire, anche con una mia importante rete civica già attiva, un valore aggiunto alla Lombardia, come ho dimostrato in un anno e nove mesi di lavoro”. Rispetto a un’ipotesi fuori dal centrodestra, replica: “Confermo la mia disponibilità in un’ottica di lealtà fino a quando non mi sarà data una risposta definitiva”. Sul quando precisa, “Dopo che si sarà formato il nuovo governo. Chiaramente in tempo utile per rispetto degli elettori e per poter ascoltare i territori”.

 

Articolo precedenteLapo e Luna anni 60-70-80-90 con il mitico Amadeus. Di Massimo Moletti
Articolo successivoCerano: sempre la solita vecchia storia…. ma la politica sul sagrato della Chiesa perché ???