+Parla il sindacato FIALS: chiuse le strutture psichiatriche ASST di Magenta e Parabiago, fino a quando?

260

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO

Abbiamo trasmesso questo documento del sindaco FIALS all’Asst Ovest Milano, al fine di ottenere una replica o ulteriori delucidazioni in merito.

MAGENTA PARABIAGO Mentre la riforma socio sanitaria lombarda enfatizza la necessità della presa in carico della persona nel suo complesso, il rispetto della dignità della persona, la centralità del ruolo della famiglia e dell’equità di accesso ai servizi ricompresi nel SSR al fine di garantire a ciascuna persona la miglior risposta al proprio bisogno, l’ASST Ovest Milanese si accinge a dismettere quelle strutture (Comunità protette di Parabiago e C.R.A. di Magenta), strutture a garanzia di accessibilità alle prestazioni sanitarie dei pazienti psichiatrici cronici, della loro presa in carico, della continuità e personalizzazione delle cure. Pazienti con disturbi gravi, persistenti e complessi che sono così lasciati a carico delle famiglie sottraendo loro le competenze professionali necessarie.

 

Il modello della psichiatria lombarda, nel corso di un trentennio, ha realizzato la continuità assistenziale tra ospedale e territorio garantendo al contempo gli interventi in acuzie, la presa in carico dei casi complessi e una diffusa assistenza ambulatoriale territoriale per i disturbi emotivi comuni e le patologie ad elevato impatto epidemiologico quali i disturbi d’ansia, i disturbi depressivi, i disturbi del comportamento alimentare e i disturbi di personalità.

Sono in cura presso le Unità Operative di Psichiatria lombarde circa 130.000 utenti, il 60% dei quali soffre di disturbi della sfera depressiva e ansiosa e necessita principalmente di un trattamento ambulatoriale specialistico, e il 35% soffre di un disturbo psichico grave che necessita di una presa in carico multi-professionale. Ogni anno circa 17.000 utenti si rivolgono per la prima volta ai servizi psichiatrici per una consultazione o una presa in cura psichiatrica, psicologica o multi-professionale. La Psichiatria è un tema importante e molto delicato anche a fronte dei numeri che coinvolge. In Lombardia gli utenti presi in carico ai CPS (centri psico-sociali) per 100.000 abitanti sono in continuo aumento.

Con la chiusura di queste strutture (ufficialmente per ristrutturazione) chi si farà carico dei bisogni di questi pazienti?

Se questi sono i segnali della riforma bisogna cominciare a preoccuparsi.

FIALS OVEST MILANESE- Federazione Italiana Autonomie Locali e Sanità

Articolo precedentePatronale di Cassinetta: sabato 10 fuoco e luci col suggestivo spettacolo del Teatro Navigli
Articolo successivo++Elezioni/1, ultimi sondaggi prima dello stop: centrodestra avanti e di tanto, Fdi 25%, tutti i numeri (e la proiezione dei seggi)