Parco Ticino-Provincia di Pavia: nuove sinergie a tutela dell’ambiente

    4

     

    Le Guardie Ecologiche dei due Enti collaboreranno per rendere più efficace l’azione di tutela del territorio caratterizzato da ambienti naturali di pregio
    MAGENTA PAVIA – Ottimizzare le azioni di vigilanza del territorio, potenziare l’informazione rivolta ai cittadini sulle disposizioni di legge in materia di tutela ambientale, rafforzare il percorso già intrapreso di  buone pratiche, in particolare quelle rivolte alle scuole del territorio. Su questi presupposti il Parco del Ticino e la Provincia di Pavia hanno siglato nei giorni scorsi una convenzione in materia di tutela ambientale che vedrà collaborare le Guardie Ecologiche Volontarie (GEV) dei due Enti.
     “Il territorio di competenza della Provincia di Pavia e del Parco del Ticino è molto esteso – commenta la Presidente del Parco Cristina Chiappa – ed è caratterizzato da ambienti naturali, riserve naturali di particolare pregio meritevoli di un presidio costante per una sua corretta conservazione, ma è anche attraversato da una rete fitta di strade, principali e secondarie, non monitorate e troppo spesso oggetto di episodi di abbandono rifiuti. Da qui la necessità individuare  una nuova  sinergia tra il corpo delle Guardie Ecologiche Volontarie (GEV)  della Provincia di Pavia e del Parco del Ticino al fine di ottimizzare l’azione di vigilanza ecologica sul territorio, di aumentare la capacità di informazione circa le disposizioni vigenti in materia di tutela ambientale, di rafforzare il percorso già intrapreso da entrambi gli Enti di  informazione circa le buone pratiche ambientali e le condotte di rispetto e cura dei beni ambientali soprattutto rivolgendosi ai bambini e quindi alle scuole del territorio”.
    La Provincia, aggiunge il Presidente Vittorio Poma, esercita una funzione di coordinamento del Servizio di Vigilanza Ecologica nell’intero territorio provinciale, sulla base delle direttive approvate da Regione Lombardia, con particolare attenzione alle forme di cooperazione che la l.r. 12 del 21 maggio 2020 prevede, con lo scopo principale di migliorare il livello e la qualità del servizio.
    Volendo garantire e ottimizzare sul proprio territorio un’efficace azione di vigilanza e di divulgazione in materia di tutela ambientale, La Provincia di Pavia e il Parco del Ticino hanno pertanto attivato una nuova  collaborazione, attraverso la stipula di una convenzione firmata dai Presidenti Cristina Chiappa e  Vittorio Poma.
    Per il consigliere delegato del Parco del Ticino Massimo Braghieri ed il consigliere delegato della Provincia di Pavia Giovanni Amato “La sinergia tra le GEV dei nostri importanti Enti porterà ad una più efficace azione di rispetto delle splendide aree naturalistiche che abbiamo l’onore di amministrare”.
    “Per quanto riguarda il Parco Lombardo della Valle del Ticino – aggiunge Massimo Braghieri – saranno messe a disposizione le risorse umane e strumentali necessarie all’organizzazione dei servizi e delle attività di formazione, indispensabile per sapere le modalità di intervento all’interno dell’area protetta del parco naturale. Eventuali ulteriori specifiche necessità di investimento saranno valutate sulla base di specifici programmi di attività. Il  Corpo Volontari del Parco del Ticino, nato nel 1979, è attualmente composto da più di 70 Guardie Ecologiche Volontarie (GEV): da questa collaborazione speriamo anche di stimolare altri cittadini ed appassionarsi alla tutela dell’ambiente e a diventare a loro volta GEV. Il lavoro svolto gratuitamente dal personale volontario è di estrema importanza per la salvaguardia dell’ambiente e della biodiversità, per la difesa del territorio e della sua popolazione con azioni di divulgazione, prevenzione, educazione e, se necessario, repressione dei comportamenti sbagliati”.
    Articolo precedenteRobecco: ultimo week end con Cracco e Maestro Martino, Rimini protagonista
    Articolo successivo‘++Occhio a non portare sabbia e conchiglie dalla Sardegna: 3mila euro di multa (ciascuno) a 11 turisti