Parco Ticino, Cristina Chiappa verso la presidenza. Si vota venerdì

    212

     

     

    MAGENTA – C’è la data, la convocazione e l’ordine del giorno. Venerdì 25 ottobre, alle 15, la comunità del Parco Ticino (quindi tutti i sindaci dei Comuni aderenti) sono convocati al centro parco Fagiana per l’elezione del presidente del consiglio di gestione, che avvieranno la stagione successiva alla reggenza di Gianni Beltrami.

    Sono ore e giorni di convulse e frenetiche trattative a livello politico ed istituzionale (sono in fase di rinnovo molti altri Parchi lombardi), ma per il primo parco regionale italiano sembra essere stata raggiunta la cosiddetta ‘quadra’.

    Il nuovo presidente, salvo retromarce o novità dell’ultima ora, sarà l’attuale vice Cristina Chiappa, 43 anni, una laurea allo Iulm e un master in Marketing Communication, in quota Lega Nord.

    Nelle ultime settimane il Partito Democratico (tramite la Città Metropolitana di Milano: le candidature devono essere presentate da enti locali aderenti al Consorzio) ha lanciato la candidatura di Francesco Prina, ex sindaco di Corbetta e deputato Dem sino al marzo 2018 (ed anche ex consigliere regionale).

     

     

    Ma come si compone il Consiglio di gestione? Ecco cosa dicono le norme in vigore.

    1.  La Comunità del Parco composta da un rappresentante per ciascuno degli Enti locali territorialmente interessati nella persona del Sindaco per i Comuni, del Presidente per le province e del legale rappresentante per gli enti volontariamente aderenti.
    2. Il Consiglio di Gestione composto dal Presidente dell’ente da altri 4 consiglieri eletti dalla comunità del parco, uno dei quali su designazione della Giunta Regionale.
    3. Il Presidente eletto dalla Comunità del Parco.
    4. Il Revisore eletto dalla Comunità del Parco tra gli iscritti all’albo ufficiale dei revisori dei conti.

    La votazione per il presidente sarà palese, mentre solo successivamente la Regione indicherà il suo rappresentante.

    Al momento non siamo in grado di abbozzare la composizione del nuovo Consiglio, ma oltre a Cristina Chiappa è probabile che anche Prina ce la faccia.

    Quanto ai membri restanti, toccherà alle Province (e ai Comuni) di Pavia e Varese avanzare le proprie candidature. Al momento, insomma, pare assai probabile che il Parco avrà il suo secondo presidente donna dopo la stagione di Milena Bertani, cui seguì proprio quella di Gianni Beltrami.

     

     

    Articolo precedenteMagenta: rilievo topografico in via Garibaldi, lavori imminenti?
    Articolo successivo‘Simone correva incontro ai suoi sogni’. I colleghi ricordano il 25enne di Abbiategrasso morto in un incidente