Parco Ticino, Beltrami saluta e ringrazia. E lancia una stoccatina al PD

    103

    Riceviamo e pubblichiamo

    COMUNICATO STAMPA

     

    Beltrami si dimette da presidente del Parco

    Magenta,  12 luglio 2019 – Ieri pomeriggio il presidente del Parco del Ticino Gian Pietro Beltrami ha rassegnato le dimissioni. “Preso atto del parere dell’avvocatura di Regione Lombardia, alla quale mi ero rivolto dopo la mia elezione a sindaco di Besate – dichiara Gian Pietro Beltrami –  ho deciso di lasciare l’incarico. Come avevo spiegato alla Comunità del Parco non sono un “poltronista” e non sarei rimasto ad ogni costo: la Comunità mi aveva rinnovato la fiducia per gestire l’ordinaria amministrazione e l’attuazione della  Legge 28 per il riordino delle aree protette, ma la Regione ha espresso parere diverso in merito alla compatibilità delle due cariche alla quale mi adeguo come avevo garantito all’assemblea”. Nei prossimi giorni arriveranno anche le dimissioni del consigliere Fabrizio Fracassi , eletto sindaco di Pavia.

    Il Consiglio di Gestione resta regolarmente in carica  fino al 31 ottobre, quando saranno rinnovati gli Organismi Direttivi di tutti i Parchi Regionali, sotto la guida della vicepresidente Cristina Chiappa  e con i consiglieri Fabio Signorelli  e Gioia Gibelli.

    “Lascio con serenità consapevole di quanto di buono ho fatto in questi anni – prosegue Beltrami-. La Comunità dei sindaci ha riconosciuto gli ottimi risultati ottenuti, il risanamento del bilancio del Parco che oggi gode di ottima salute, l’incremento del patrimonio , i milioni di  euro di progetti attuati a tutela della biodiversità del Parco. Per contro mi fa specie leggere  commenti su Facebook in cui si accomunano le mie dimissioni a quelle del sindaco di Legnano, dovute a motivi completamente diversi.

    All’ex vicesindaco di Magenta Paolo Razzano – conclude Beltrami -consiglio in queste calde giornate estive di guardare in casa propria. I recenti  risultati elettorali, a partire da Magenta, dimostrano che è il centrosinistra , e non solo del territorio, ad essere alla frutta … ma quella secca!”.

    Articolo precedenteIl Salone dell’Auto passa da Torino a Milano
    Articolo successivoMagenta, i ragazzi del centro Santa Teresa campioni italiani di Horse Ball