Parco Sud, il cdx replica al Pd: iter di Regione Lombardia procede, discutiamone

241

 

MILANO  “Mentre il PD fa scrivere lettere ai suoi Sindaci per andare contro al progetto di legge regionale volto a ridisegnare l’Ente che gestisce il Parco Agricolo Sud, Regione Lombardia va avanti discutendo il testo in Commissione e calendarizzando le prossime audizioni”.

Interviene così Silvia Scurati Consigliere regionale della Lega in merito alle notizie circolate sulla modifica della governance del Parco Agricolo.

“Come faziosamente scritto da una certa parte politica, questo progetto non intende snaturare o scippare la gestione del Parco Agricolo Sud Milano, ma aggiungere nuove risorse a una governance ormai spenta da troppi anni di incapacità di Città Metropolitana nel gestire questa immensa risorsa, nonché il rapporto con gli agricoltori/proprietari dei terreni”.

“L’opposizione ha chiesto diverse audizioni sul mio Pdl del Parco Agricolo Sud Milano, che oggi ho presentato in commissione Agricoltura.Pensano di mettermi in difficoltà e di fermare il cambio di Governance che stiamo portando avanti, invece sono molto contento che diverse realtà del territorio vengano in Regione a discutere questo progetto: ogni aiuto è ben accetto, a patto che si rivolga al bene del Parco e non dei singoli partiti.

Città metropolitana vorrebbe trasformare novemila ettari in aree naturali, causando danni economici incalcolabili per le aziende agricole: verranno ascoltate anche loro? Per non parlare dei danni causati da una gestione assolutamente inadeguata da parte di Città metropolitana: è tempo di cambiare, spero che i colleghi dell’opposizione capiscano che non si può rimanere arroccati su posizioni che non fanno il bene del territorio” Lo dichiara Franco Lucente, capogruppo di Fratelli d’Italia in Regione Lombardia.

 

Articolo precedenteAbbiategrasso: Confcommercio organizza dibattito coi candidati sindaci
Articolo successivoMagenta e le ‘riflessioni’ di Giuliana Labria, la mente più lucida del csx. Ci sarà.. o non ci sarà? Di F.P.