Parco di via Novara, Progetto Magenta: “A quando la riapertura?”

    77

    MAGENTA – “In fondo a via Novara, proprio di fianco alla caserma dei carabinieri, c’è o forse sarebbe meglio dire “c’era” o “dovrebbe esserci” un parco pubblico. Un piccolo parco pubblico in una zona abbastanza periferica che era frequentato dai bambini del quartiere. Fino a marzo scorso“.

     

     

     

     

     

     

     

    Progetto Magenta, la formazione civica guidata da Silvia Minardi, chiede lumi all’Amministrazione di Chiara Calati rispetto al futuro del parco che si trova in fondo alla via Novara.

    “Un piccolo parco pubblico dove il vento ha abbattuto un albero molto vecchio che è stato rimosso, come sono stati rimossi tutti gli alberi del piccolo parco. Un piccolo parco pubblico senza giochi che, da marzo, non è  più stato riaperto e che alcune persone avevano chiesto venisse dedicato a Luisa Rescaldina, professionista magentina, mamma e abitante della zona”. Si legge ancora nella nota dei civici.

     

     

     

     

    E, in effetti, ormai di tempo ne è trascorso da quel fatto di cronaca che avrebbe potuto avere conseguenze ben più devastanti per la popolazione.  Minardi e Progetto Magentina sollecitano l’Amministrazione ad intervenire: “Un piccolo parco pubblico chiuso dove l’erba cresce alta e che l’incuria e la  maleducazione di molti hanno trasformato in una zona degradata di quel quartiere di Magenta”. “Quando il parco pubblico curato sarà restituito agli abitanti del quartiere? Quando finalmente la dedica a Luisa Rescaldina (nella foto sotto)? “.

    F.V.

     

     

    Articolo precedentePesci morti nell’Olona. Trezzani interroga la Regione
    Articolo successivoParabiago, “Hikikomori” ossia i giovani che non escono di casa. Il libro di Marco Crepaldi