Parco Agricolo Sud Milano: il Touring Club Italiano presenta la nuova Cartoguida

    79

    Il Touring Club Italiano presenta la nuova Cartoguida dedicata al Parco Agricolo Sud Milano. Una versione nuova e aggiornata di uno dei Parchi Periurbani più grandi d’Europa, ricco di tesori culturali, storici e naturalistici. Rappresentato con la classica cartografia turistica del Touring, il Parco coinvolge 61 Comuni e si estende attorno alla Città Metropolitana con una rete di Navigli, piste e percorsi ciclabili.

    Su un territorio vario per paesaggi e ambienti naturali, si possono visitare cascine (anche con vendita diretta al pubblico), abbazie, luoghi di interesse storico, naturalistico e anche gastronomico come il MUSA (Museo Salterio – Officina del Gusto e del Paesaggio).

    Giunta alla quarta edizione, la nuova versione della Cartoguida assume una veste nuova e più “turistica” proponendo approfondimenti legati alla natura, alla cultura e al mondo agricolo per conoscere tutto il territorio del Parco agricolo Sud Milano. Nell’agevole fascicolo allegato sono proposti 18 itinerari tematici studiati per tutti i tipi di turisti, con un occhio particolare alla famiglia. Cartoguida e fascicolo sono disponibili nell’edizione italiana e inglese gratuitamente all’interno del parco.

    Touring Editore, che propone un ampio catalogo con circa 200 novità all’anno, è la casa editrice leader in Italia nella pubblicazione di Guide Turistiche, Atlanti e Cartografia. Negli ultimi anni ha, inoltre, sviluppato la propria produzione in chiave digitale con la realizzazione di siti e applicazioni multimediali.

    Il Touring Club Italiano è un’associazione privata senza scopo di lucro che si impegna per uno sviluppo di qualità del turismo, del tempo libero e dell’accoglienza come occasioni di evoluzione personale e collettiva, in termini culturali, sociali ed economici, secondo principi di sostenibilità e collaborazione. Da più di 120 anni il Touring Club Italiano è in viaggio per diffondere la conoscenza del patrimonio culturale e tutelare le meraviglie d’Italia. È il viaggio di una comunità di persone che vivono il territorio come un bene prezioso da proteggere e trovano nel turismo uno strumento di crescita anche personale.

    Articolo precedenteOttavo acuto per Andrea Piccolo: Magenta si gode il suo baby campione a due ruote
    Articolo successivoLa maggioranza dei turbighesi non vuole sentir parlare di migranti