‘++Parchi divertimento, col Green Pass meno 50% di ingressi. ‘Garavaglia ha salvato gli alberghi e le altre imprese turistiche’

53

 

MILANO  Nel primo weekend del green pass i parchi divertimento italiani perdono in media il 50% degli ingressi rispetto al fine settimana precedente.

Sono queste le stime dell’associazione Parchi permanenti italiani, aderente a Confindustria, secondo la quale il calo dipende dal fatto che i parchi si rivolgono prevalentemente ai teenagers, fascia della popolazione tra le meno vaccinate in assoluto.

“Non siamo pregiudizialmente contrari alla certificazione verde- puntualizza Giuseppe Ira, presidente dell’associazione, che punta a rendere covid-free il ‘suo’ Leolandia a Bergamo entro l’autunno- i tempi però non sono ancora maturi”.

Soprattutto perché “non ci sono abbastanza vaccinati tra i giovani- prosegue- e sufficienti dosi di vaccino per rispondere alla domanda”. E dunque, la richiesta rivolta al governo, “che ha voluto a tutti i costi inseguire il modello francese- insiste Ira- è di farlo fino in fondo”, visto che in Francia “l’età minima per presentare il green pass è stata alzata a 18 anni e in autunno sono già previsti ristori pari all’80% delle perdite subite per le aziende più danneggiate dal provvedimento”.

 

In Italia invece, l’unica certezza “sono le perdite” e molti parchi, si trovano ormai “sull’orlo del fallimento nella totale indifferenza delle istituzioni”. E se il trend sarà confermato, come avverte Ira, le imprese “saranno costrette a sospendere la stagione licenziando migliaia di lavoratori”.

Il 5 agosto, poche ore prima del Cdm che doveva definire le ultime specifiche del provvedimento, i rappresentanti dell’associazione avevano incontrato il ministro del Turismo Massimo Garavaglia e l’assessore alle Infrastrutture della Regione Lombardia Claudia Maria Terzi per sensibilizzarli sulle esigenze del settore. Tramontata l’ipotesi di alzare a 18 anni l’esenzione dal green pass, sostenuta dallo stesso Garavaglia e rigettata in Cdm, le speranze sono ora puntate sui ristori.

Nel decreto “Garavaglia è riuscito a salvaguardare hotel, terme e altre imprese turistiche- va avanti Ira- noi siamo stati tagliati fuori perché siamo ancora di pertinenza del Ministero della Cultura”.

Articolo precedente‘++Castano Primo: rapina al Conad, individuati e denunciati dalla Polizia locale i presunti responsabili
Articolo successivo‘++Opere idrauliche nel Milanese: pronti 27 milioni di euro per Nerviano e San Vittore Olona