Diritto & RovescioNews

Parcheggi: fate come il sindaco di Carrara

Nei giorni scorsi sono state riportare le dichiarazioni dell’Assessore Razzano in merito alle annose questioni del parcheggio situato davanti all’Ospedale di Magenta. In sostanza gli utenti lamentano il fatto che vari extracomunitari li disturbino facendosi consegnare al termine della sosta i biglietti non ancora scaduti per poi cercare di rivenderli a chi subentra nei posti del parcheggio. Secondo varie segnalazioni il comportamento di questi individui rasenterebbe l’estorsione, dato l’atteggiamento minaccioso e la circostanza che chi si rifiuti di sottostare alla pratica illecita si trova poi l’auto danneggiata. Ci sono stati numerosi interventi da parte degli uomini della Polizia Locale e dei Carabinieri senza che ciò abbia ottenuto risultati apprezzabili. L’Assessore ha prospettato tra le possibili soluzioni l’allocazione delle macchinette che emettono gli scontrini all’interno dell’Ospedale per proteggere gli utenti. Tale soluzione pare, francamente poco praticabile, in quanto risulta che malintenzionati e disperati di ogni tipo si introducano tranquillamente nella struttura ospedaliera. Inoltre, una soluzione di tale tipo rappresenterebbe un penoso cedimento nei confronti dei prepotenti. Mi sono permesso di suggerire ciò che ho visto avvenire nel Comune di Sarzana, la cui amministrazione dovrebbe essere particolarmente gradita all’attuale Giunta di Magenta, in quanto la cittadina ligure rappresenta uno dei pochi stati comunisti rimasti al mondo assieme a Cuba, la Cina e la Corea del Nord. Sostanzialmente a Sarzana prima di indicare l’importo si digita il numero della targa che rimane stampato sul tagliandino. Con questo accorgimento nessuno potrebbe acquistare dai parcheggiatori abusivi un tagliandino che riporta il numero di un’altra targa, essendo evidente a qualsiasi controllo della Polizia Locale l’irregolarità della sosta. L’Assessore potrebbe semplicemente telefonare al suo collega di Sarzana, peraltro compagno di partito, chiedendogli l’indirizzo del fabbricante delle macchinette con segna-targa. Il mio suggerimento mi ha meritato i rimbrotti di Fabrizio Valenti il quale, giustamente, ha segnalato che porre la sosta a pagamento davanti ad un Ospedale è scelta veramente sbagliata per la semplice osservazione che chi si reca in loco non lo fa certo per suo divertimento. Concordo perfettamente con l’amico Fabrizio, ricordando che al momento della istituzione della sosta a pagamento davanti all’Ospedale segnalai il mio completo disaccordo. Peraltro, la pessima iniziativa venne intrapresa dall’allora Sindaco Del Gobbo e, ahimè, dall’amico Gelli, Assessore se non erro alla Polizia Urbana. Sperare che il Comune di Magenta, ridotto dai provvedimenti governativi come i figli eroinomani degli anni novanta che vendevano i termosifoni della casa dei genitori per recuperare i soldi per pagarsi la droga ,tolga la sosta a pagamento, mi è sembrato abbastanza utopistico. Vorrei però segnalare che fortunatamente non tutti ragionano nello stesso modo. Per esempio, in Versilia dove tutti i parcheggi possibili ed immaginabili sono a pagamento, brilla il Comune di Carrara, il cui Sindaco ha reso gratuiti tutti i parcheggi di Marina di Carrara. Il risultato è che i commerci sono rifioriti, sono state aperte nuove attività commerciali ed i turisti vi si recano volentieri sapendo di non dover pagare alcun pedaggio, anche per andare in spiaggia. Sono due modi completamente diversi di concepire l’economia e i diritti dei cittadini. Se permettete io preferisco i metodi del Sindaco di Carrara.

Giovanni Marradi

Vedi Altro

Potrebbe Interessarti

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
Close

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi