Parabiago: prenotazioni aperte per l’evento “The Gospel Times”

    95

    PARABIAGO – Il 19 giugno alle ore 21:00 l’Amministrazione Comunale promuove THE GOSPEL TIMES, un appuntamento pensato per il rilancio della Chiesa Sant’Ambrogio della Vittoria quale location di grande interesse e valore culturale per il territorio. L’evento è inserito nel circuito regionale LA MUSICA DEI CIELI, festival che dal 1996 promuove la conoscenza e il dialogo tra le culture attraverso le molteplici musiche della spiritualità.

    Ingresso gratuito, ma prenotazione obbligatoria. A partire già dal 28 maggio, infatti, è possibile prenotare la propria partecipazione collegandosi al seguente link La musica dei cieli

    PRENOTAZIONE


    Ci è indispensabile in questo momento in cui si torna a produrre e ospitare musica, con capienze limitate, avere certezza della partecipazione degli spettatori per permettere, in alternativa, a chi è in lista di attesa di poter avere un posto per il concerto.

    Si raccomanda di presentarsi all’evento con almeno 30 minuti di anticipo rispetto all’orario di inizio del concerto per compiere le operazioni di accredito e consentire a tutti l’ingresso in sala nel rispetto delle norme di distanziamento sociale.
 L’ingresso sarà garantito fino a 10 minuti prima dell’orario di inizio del concerto.

    Se si prenotano più di un posto, automaticamente l’organizzatore tratterà le vostre prenotazioni come “posti congiunti”.

    SICUREZZA

    Pensiamo che la musica live sia un’emozione indispensabile per la nostra cultura e per la nostra crescita ed è per questo che non abbiamo rinunciato a tornare nei teatri, nei club e nelle strade. Non sottovalutiamo però la pandemia in corso e abbiamo preso tutte le precauzioni possibili nel rispetto delle norme e delle raccomandazioni vigenti. Vi invitiamo quindi ad aiutarci a mantenere le distanze e a indossare sempre le mascherine. Tutti gli eventi si tengono nel rigoroso rispetto delle limitazioni di legge.

     

     

     

    Articolo precedenteMagenta e il post Covid del commercio: “I Love Shopping” ai nastri di partenza
    Articolo successivoIl graffio del Duca di Saronno: il fattore “G” e la storia da imparare