Pandemia e giovani: via libera a mozione Del Gobbo in Regione per potenziare interventi e cure

    4

     

    MILANO  “Il Covid ha lasciato un marchio indelebile nelle vite dei nostri giovani. Lo dimostrano le statistiche legate ai disturbi psichiatrici nell’adolescenza e nella prima infanzia. Sono una macchia d’olio inarrestabile. La politica non può restare inerme. Il via libera all’unanimità alla mozione che ho presentato su questo tema è un passo importante verso una risposta più rapida e adeguata alle nuove emergenze”.

    Lo ha detto Luca Del Gobbo, consigliere regionale di Noi con l’Italia.

    “Abbiamo chiesto una maggior integrazione dei servizi – ha spiegato Del Gobbo –, un aumento degli strumenti in ottica di prevenzione e un accesso meno burocratico e più accogliente alle strutture che rispondono alle difficoltà di bambini e ragazzi. E poi è necessario il massimo coinvolgimento del privato sociale”.

    Le richieste saranno inserite nel lavoro di aggiornamento della legge regionale 23/2015 sul sistema sanitario lombardo.

    “Bisogna agire in fretta per calibrare la rete di servizi, già eccellente, su un contesto mutato – ha concluso Del Gobbo –. Può sembrare poco. Ma anche da un servizio più adeguato potrà aprirsi una strada per risollevare i nostri giovani. Non l’unica, certamente, ma una tra le più necessarie. Il nostro futuro dipende da questo presente. Guai a sottovalutare la ferita che l’emergenza sanitaria ha inferto ai nostri giovani. La politica dovrà fare la sua parte”.

    Articolo precedenteTrenord: dal 13 giugno in Lombardia più corse turistiche e per il Malpensa Express
    Articolo successivoCorbetta, Pd e csx: ‘Fuori le inchieste giudiziarie dalla campagna elettorale’