“Ovunque è Legnano”. Le biciclette Legnano di Bartali, Binda e Fondriest da oggi in mostra al Museo Cozzi

224

Nella Sala Rossa del Museo Fratelli Cozzi la mostra dedicata alle due ruote storiche

 

 

LEGNANO –  Dare spazio alla dimensione popolare della storia delle biciclette Legnano, affiancarla a quella più agonistica e competitiva con i prodotti di alta gamma e le vittorie in campo sportivo, mostrare le sedi storiche di un’azienda che ha contribuito a portare il nome della città ben oltre i confini territoriali.
Questo l’obiettivo della mostra “Ovunque è Legnano – da Legnano al mondo su due ruote”, ospitata dal 24 settembre al 3 ottobre nella Sala Rossa del Museo e dedicata alla produzione e alla diffusione delle Biciclette Legnano, valorizzando il loro impatto economico e culturale sul territorio.
La mostra nasce nel solco del progetto messo in campo dall’associazione Friends of Museo Fratelli Cozzi, che già l’anno scorso con gli stessi obiettivi aveva realizzato una mostra dedicata alla storica azienda di design legnanese Velca, con il contributo del giornalista Paolo Girotti.
Il progetto è stato poi realizzato grazie al lavoro di numerose realtà del territorio: l’associazione Ugo Colombo Hombre Vertical, la U.S. Legnanese 1913, il Comune di Legnano, il Comune di Cittiglio e grazie al contributo della Fondazione Comunitaria Ticino Olona.

L’ESPOSIZIONE

Si tratta di una grande opportunità per la nostra città: le biciclette Legnano storiche delle vittorie di Binda, Bartali e Fondriest tornano finalmente a casa, per la prima volta una vicina all’altra. Le biciclette che hanno portato in sella Bartali nel 1938 e Fondriest nel 1988 saranno le protagoniste assolute, insieme a quelle del 1927 e del 1932. Un momento storico a cui è impossibile mancare, soprattutto considerando che l’evento terminerà il giorno dello svolgimento della Coppa Bernocchi, la cui linea di arrivo si trova proprio a
100 metri di distanza dal Museo.
Nella mostra verranno esposte biciclette storiche ma anche più “popolari”, nonché le testimonianze provenienti anche dai Musei partner: il Museo del Ghisallo, il Museo Binda e il Museo Nicolis. Ci saranno inoltre le biciclette recuperate dagli appassionati, tra cui il gruppo “La mia Legnano” che vogliamo ringraziare anche in questa occasione.
Infine, la manifestazione è inserita nel contesto della quattro giorni sulla mobilità sostenibile “Party in bici – l’Altomilanese in mobilità attiva” organizzata dal Comune di Legnano con Busto Garolfo, Canegrate, Dairago, San Giorgio su Legnano e Villa Cortese).
“Questa mostra è una grande opportunità per Legnano, perché sarà anche un’occasione per fondere insieme la passione per le automobili Alfa Romeo con la riscoperta di una mobilità dolce – spiega la direttrice del Museo Fratelli Cozzi, Elisabetta Cozzi -. L’esposizione si colloca nel solco di un’altra mostra ospitata esattamente un anno fa qui, nella Sala Rossa, e dedicata alla storica azienda Velca. Design, cultura e know-how ritornano anche nel 2022 come punti cardine del nostro lavoro”.

 La mostra si potrà visitare gratuitamente e sarà aperta nei giorni ed orari
pubblicati sul sito www.museofratellicozzi.com e riportati qui nel comunicato. È consigliata la prenotazione.
Orari d’apertura:
• Sabato 24 settembre dalle 11 alle 19
• Domenica 25 settembre dalle 11 alle 19
• Martedì 27 settembre dalle 10 alle 18
• Mercoledì 28 settembre dalle 10 alle 18
• Venerdì 30 settembre dalle 10 alle 18
• Domenica 2 ottobre dalle 11 alle 19
• Lunedì 3 ottobre dalle 12 alle 18

 

Articolo precedenteL’Italia piega l’Inghilterra 1-0, decide Raspadori
Articolo successivo++Persi 23mila ettari di risaie, nel Novarese il 10%