Ossona, Sergio Garavaglia ci riprova: presentata la lista per le Comunali 2019

    26

     

     

    OSSONA – Provaci ancora, Sergio. Parafrasando il titolo del celebre film di Woody Allen, ecco la sintesi della presentazione- avvenuta ieri sera- del comitato da cui è scaturito il progetto ‘Sergio Sindaco’, embrione di lista civica che conta già numerosi aderenti, ma che ora è pronta a dialogare anche con le altre forze politiche presente in paese.

    Il candidato sindaco è ovviamente lui, l’ex primo cittadino dal 1995 al 2004, che ci ha riprovato anche nel 2009 e nel 2014.

     

     

     

     

     

     

     

     

     

     

     

     

     

    “Il Comitato della Lista Sergio Sindaco +è partito  con degli amici,  tra cui giovani e molte donne: siamo una  lista civica, ora il compito del Comitato è ricevere eventuali altri curricula, sentire le persone e recepire le istanze. Presto cambierà il gruppo consiliare da Siamo Ossona a Sergio Sindaco. Cosa non va a Ossona? Tutto: politiche sul lavoro, manutenzioni e strade, ripresa progetto per i giovani. E poi servono interventi seri su bilancio, sui fondi regionali ed europei. Da qui al prossimo anno saremo presenti in paese. Servizi sociali allo sbando, idea è creare cooperativa di tipo B per inserimento di ragazzi disabili”.

     

    garamerevaglia@gmail.com

    Ecco i primi nomi

    *Valentini Fabio
    Lavoratore nel ciclo del freddo
    *Zanaboni Mara
    Operatrice commerciale
    Comunicatrice,  esperta in storia e tradizioni celtiche
    *Cale’ Stefano
    Imprenditore
    *Giulia Marchese
    Laureata
    *D’acunto Franca
    già consigliere comunale
    *Portaluppi Maristella
    Consigliere comunale,
    *Paganin Daniela
    Laureata, biologa
    *D’Angella Raffaella
    Responsabile di produzione
    *Shirley Ferentini
    Laureata Conmercialista

     

    Articolo precedenteRegione: Fermi (FI) eletto presidente del Consiglio, Carlo Borghetti vice
    Articolo successivoConfartigianato Alto Milanese e Sindacati: assieme per la cultura del welfare