Ospedale di Magenta, arrivano 4 apparecchiature innovative

    182

     

     

    MAGENTA – Ieri vi abbiamo parlato della nuova tecnica di cura della trombosi scoperta da alcuni medici dell’ospedale di Magenta e della ASST, presentata dai dottori Schieppati, Mumoli e dal professor Mazzone.

    Le novità però non si fermano qui: sono infatti in arrivo, in dotazione alla Medicina Generale del Fornaroli, 4 apparecchiature innovative che consentiranno di fare un importante salto di qualità per dotare il nosocomio di completa autonomia diagnostica.

    L’associazione AIPA ha donato come detto un ecografo multidisciplinare di altissimo livello per le ecografie ad ampio raggio, che permetterà di eseguire la nuova metodica ultraspecialistica per la diagnosi dell’epatite cronica. Secondo il dottor Mumoli grazie a questo ‘innesto’ la unità assume un indirizzo specialistico per il trattamento di nuove patologie.

    Oltre all’ecografo sono già arrivate e messe a disposizione tre apparecchi per la ventilazione meccanica non invasiva che saranno in grado di curare i pazienti senza intubarli, a beneficio dei malati di insufficienza respiratoria acuta e con bronchite riacutizzata.

    Strumenti che consentiranno ai medici pneumologi di trattare i cittadini affetti da queste patologie senza ricorrere alla rianimazione, alleggerendo così un reparto intensivo e fino ad oggi necessario per le crisi respiratorie. Il nuovo Pronto Soccorso dell’ospedale Fornaroli, invece, dovrebbe essere completato entro il mese di maggio del 2019.

    Articolo precedenteEst Ticino, nasce il coordinamento Welcoming Europe (pro accoglienza)
    Articolo successivoDistrutto da un incendio il gattile comunale di Rho: strage di mici morti tra le fiamme