Omicidio Turbigo/2, Christian Garavaglia: servono pene dure ed esemplari

244

 

TURBIGO La drammatica notte di violenza che ha provocato la morte di un giovane albanese a Turbigo ha suscitato la reazione dell’ex sindaco e attuale dirigente lombardo di Fratelli d’Italia, Christian Garavaglia.

Che affida il suo pensiero alla propria pagina Facebook: “Non riesco a trovare le parole in merito a quanto successo a Turbigo Venerdì sera. Provo sconforto, rabbia, delusione, dolore. Non è possibile che un ragazzo di 23 anni venga ucciso brutalmente. La società di oggi sta andando alla deriva, anzi è già alla deriva!!! Non è concepibile che ci siano bestie (non riesco a chiamarle persone) con la pistola in tasca liberamente in strada (!!!) che di fronte a un litigio si permettono di togliere la vita ad altri. Questa società è marcia dentro!

Non dico nulla, mi fermo qui, non voglio aprire argomenti sociologici e politici (lo farò con calma più avanti): mi limito ora al silenzio nel rispetto del dolore dei famigliari per il lutto. Faccio le mie più sentite condoglianze alla famiglia e agli amici di Emanuel.
PS: spero ora in una giustizia con la G maiuscola, con pene severe, dure, esemplari e irremovibili, senza indulti e sconti, per l’assassino. Ma la
nostra società di oggi è d’accordo???

 

Articolo precedenteGli Statuti comunali di Galliate (1396)
Articolo successivoAbbiategrasso, donna non rispondeva da due giorni: falso allarme in via San Carlo, stava solo dormendo