“Olimpic Land 2018”: ancora una festa dello sport e della solidarietà

    146

    SOLARO –   Una giornata impegnativa, ma ricca di soddisfazioni e di sorrisi.  E’ quanto emerge al termine della diciottesima edizione di ‘Olimpic Land’ svoltasi lo scorso venerdì 11 maggio,  presso il Centro Sportivo “Gaetano Scirea” di Solaro,  un appuntamento ormai consolidato nella storia del Gruppo Fondazione Mantovani Onlus Sodalitas Cooperativa Sociale Onlus nel segno della vera inclusione sociale.

    Oltre centocinquanta ragazzi dei CDD (Centro Diurno Disabili) di Cogliate, Castano Primo, Busto Garolfo, Trezzano sul Naviglio, insieme a quelli dello SFA (Servizio di Formazione all’Autonomia) di Inveruno e della RSD (Residenza Sanitaria Disabili) di Arconate sono stati coinvolti per un’intera giornata in gare e attività sportive. Ospiti speciali gli studenti delle prime medie dell’Istituto comprensivo statale ‘Regina Elena’ di Solaro.  I ragazzi sono stati coinvolti nella sfilata delle squadre che si è conclusa con il lancio dei palloncini, l’accensione del braciere e l’esecuzione dell’inno di Mameli.

    Sulle tribune a fare il tifo, ovviamente, anche famigliari e conoscenti dei ragazzi che frequentano CDD. Dunque, una preziosa occasione d’aggregazione sociale anche sotto quest’aspetto. “I giochi  sul campospiega Barbara Colombo Coordinatrice del C.D.D. Il Faro di Cogliatesono stati vinti dalla squadra del CDD di Castano Primo, ma alla fine tutti i ragazzi sono stati vincitori perché  hanno preso parte con impegno alle varie prove. E’ stata una festa dello sport e della solidarietà”.

     

    Gli operatori hanno organizzato l’evento curando ogni particolare così da permettere a tutti di partecipare, ognuno secondo le proprie capacità e possibilità. Tanto che alla fine tutti sono stati premiati con una medaglia. A “Olimpic Land” ha assistito il Direttore Generale di Fondazione Mantovani Onlus Sodalitas Cooperativa Sociale Onlus Michele Franceschina (nella foto in basso a destra) con gli amministratori locali di Cogliate e Solaro, al parroco don Giorgio e al dottor Angelo Garavaglia, Direttore unità operativa ‘Tutela della famiglia’ ASST RhodenseDa segnalare infine, che la manifestazione è stata possibile grazie alla preziosa collaborazione della Società Universal Calcio  – i cui volontari hanno aiutato ad allestire la zona dove si è svolto il pranzo –  e al Comune di Solaro che ha messo a disposizione la struttura sportiva.

    (*fonte: comunicato stampa)

     

     

     

    Articolo precedenteRobecco, una delegazione in Germania per ricordare i deportati
    Articolo successivo“Nihil sub sole novum. ( Ecclesiaste) Ad Ossona ovviamente”