NewsSport

Nuoto, Simone Barlaam sempre più cannibale: oro e record mondiale anche sui 100 dorso

Da oggi alla caccia di nuove medaglie, Italia in testa

 

LONDRA- CASSINETTA DI LUGAGNANO – Ha dell’incredibile il ruolino di marcia del giovane atleta di Cassinetta e già studente al Liceo Bramante di Magenta Simone Barlaam, che ai campionati del mondo di nuoto paraolimpico in corso a Londra ha ottenuto ieri sera un’altra clamorosa vittoria, ‘condita’ da performance cronometrica da vero cannibale della piscina (quale in effetti è..)-

La stella nascente del nuoto italiano”, come lo ha definito un giornalista americano, ha vinto ieri sera anche la finale dei 100 metri dorso S9. Una finale nella quale non partiva favorito, con il quarto tempo di qualifica. Ma con la quale il giovane campione lombardo aveva un conto in sospeso: bronzo agli ultimi mondiali di nuoto in Messico 2017, agli ultimi Europei di Dublino nella finale di dorso era in testa al termine della prima vasca.

 

I pronostici erano tutti per il francese Hugo Didier e per l’australiano Timothy Hodge. Ma Simone è partito imperioso, al termine della prima vasca ha virato per primo e poi ha allungato battendo di misura i due favoriti; alla fine,  oro e nuovo record mondiale con il tempo di 1’01″22 per la categoria S9, mandando in archivio quello stabilito dall’americano Justin Zook che resisteva dal 2012 (1.01.75). “Sono all’ottavo cielo, dopo la gara di questa mattina non pensavo di arrivare nemmeno al podio e invece… l’ho spuntata”, ha commentato a caldo di Simone. “E’ stato un anno difficilissimo – ha aggiunto – soprattutto perchè ho sostenuto l’esame di maturità. Raccogliere questi risultati è davvero appagante. Il mio segreto? Allenarsi intensamente, stare sull’obiettivo e divertirsi il giusto. Questa è mia ricetta”. L’allenatore di Simone Barlaam, Max Tosin, ha spiegato: “Simone ha fatto una gara capolavoro. Non ha sbagliato niente. Per allentare la tensione durante il riscaldamento gli ho detto: ‘Quando Van Gogh faceva i suoi capolavori non pensava alla tecnica, a come faceva le pennellate. Non pensare. Tu vai, dai tutto e andrà bene. E’ stato davvero bravo. Questo risultato mi ripaga e ripaga lui di tanto, tantissimo lavoro che abbiamo fatto quest’anno in allenamento per preparare questa gara in particolare”.

Ma non finisce qui: oggi, mercoledì 11, Simone sarà impegnato nei 100 metri farfalla “contro” il suo amico mentore Federico Morlacchi, quindi domani nella staffetta 4×100 punti 34, domenica la staffetta 4×100 stile e i 50 metri stile libero, specialità in cui difende il suo titolo mondiale e detiene anche il record del mondo. 

Da Cassinetta, Abbiategrasso e Magenta l’urlo che si alza è soltanto uno: forza, Cannibale!

Tag
Vedi Altro

Redazione

Redazione Ticino Notizie

Potrebbe Interessarti

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
Close

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi