Novara Jazz ormai ci siamo: al via domani dalla Cascina Bullona la 14 esima edizione

    88

    Giunta alla quattordicesima edizione, prende il via la fase estiva della stagione 2016/2017 di NovaraJazz.

    MAGENTA – Ormai riconosciuto anche a livello europeo per la qualità e l’originalità della proposta, il festival internazionale di musica jazz di Novara si conferma palcoscenico unico nel cuore della città per i grandi concerti, l’improvvisazione, le sperimentazioni elettroniche e le contaminazioni tra le arti, un appuntamento in grado di innescare rapporti sempre nuovi tra la musica, i luoghi e le persone. Anche questa edizione parla linguaggi internazionali, mettendo in dialogo culture e generazioni differenti. Venerdì 26 maggio NovaraJazz parte dalla Cascina Bullona di Magenta(strada Valle 32) dove vedrà la luce, a seguito di un’intera settimana di “residenza”, il concerto di Ghost Horse, progetto a cura di Enrico Bettinello, commissionato da NovaraJazz che espande il trio degli Hobby Horse a sestetto: Joe Rehmer al contrabbasso, Stefano Tamborrino alla batteria, Gabrio Baldacci alla chitarra, Filippo Vignato al trombone,Glauco Benedetti alla tuba, Dan Kinzelman al sax. Evoluzione e obliqua sintesi delle due formazioni: il trio Hobby Horse, appunto, e il quartetto Ghost. Imprevedibile e mutante per vocazione. Espanso e raddoppiato in un’inedita versione extra large che promette meraviglie. Da trio a sestetto, da Hobby Horse a Ghost Horse. Evoluzione e ripensamento degli spazi all’interno dei quali, dal 2010, si muovono e si confrontano Dan Kinzelman, Joe Rehmer e Stefano Tamborrino. Clarinetti, sassofoni, contrabbasso, batteria ed elettronica splendidamente assortita (e perfettamente integrata); strumenti e gingilli ai quali per l’occasione, grazie alla chiamata di NovaraJazz, si sommano e si sovrappongono la tuba di Glauco Benedetti, il trombone di Filippo Vignato e la chitarra baritono di Gabrio Baldacci. In un gioco di stratificazione delle voci e moltiplicazione dei punti di vista che allarga ulteriormente gli orizzonti espressivi e timbrici, che ridisegna i confini e schiude nuove prospettive su paesaggi ormai familiari: Canterbury, l’Africa, Nick Drake e Robert Wyatt, il canto e l’improvvisazione, il Sud America, l’Atlantico e il Mediterraneo.

    La serata prevede a partire dalle ore 20 cena + concerto. Per informazioni e prenotazioni: 02 97292091 – bullona@agriturismobullona.it.

     

    Tutti il programma su www.novarajazz.org

    Ulteriori informazioni info@novarajazz.org

    Articolo precedenteOzzero: Ciceri de Mondel, una storia imprenditoriale lunga 100 anni
    Articolo successivoMagenta da domani sera è di nuovo Street Fud Festival