Noi Corbetta e l’emergenza idrica

153

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO

CORBETTA  La siccità che ha colpito il nostro Paese e il nostro territorio in questi ultimi mesi impone alle Amministrazioni scelte rapide a tutela del bene comune per eccellenza: l’acqua.

Proprio per questo, molti comuni hanno recentemente varato apposite ordinanze alla luce dello stato d’emergenza idrica dichiarato dalla Regione. Ovviamente anche Corbetta non ha mancato di applicare la direttiva regionale nella sua interezza. Ci lascia però perplessi le modalità con cui l’Amministrazione ha scelto di recepire e divulgare un’ordinanza così importante.

A colpire è soprattutto l’assenza delle classiche fasce orarie notturne in cui poter prelevare acqua; disposizione presente invece in altri comuni della zona come Legnano, Rho, Cuggiono e Inveruno. È lecito domandarsi il perché di tale differente interpretazione dell’ordinanza; un copia/incolla lapidario eseguito ignorando totalmente la possibilità, lasciata ai comuni dalle stesse autorità regionali, di poter  “applicare l’ordinanza sulla base dello specifico contesto”. Ci si trova come al solito davanti a una giunta lontana dai suoi cittadini e totalmente disinteressata ai bisogni della popolazione.

In secondo luogo ci spiace inoltre riscontrare la consueta confusione con cui l’Amministrazione ha deciso di divulgare l’ordinanza, pubblicandola soltanto sulla pagina personale del sindaco e non su quella ufficiale del Comune di Corbetta, peraltro con grossolani errori – poi per fortuna corretti – come l’iniziale divieto di irrigazione degli orti. Oltre alla dovuta pubblicazione sul sito web del Comune, l’ordinanza è stata infatti annunciata soltanto attraverso la pagina personale del sindaco, a cui – ricordiamo – molte persone non possono più accedere.

L’acqua resta un bene primario e la sua scarsità colpisce tutti i cittadini. È dovere del Comune mettere in campo, in pieno spirito di collaborazione con la comunità, tutte le misure necessarie per frenarne gli sprechi. Proprio per questo deve assicurarsi di tenere conto delle esigenze della popolazione e di utilizzare i mezzi di comunicazione più chiari e diretti, affinché tutti possano essere informati in breve tempo.

 

Partito Democratico Corbetta

Sinistra per Corbetta

Articolo precedenteRegione Lombardia: ‘impegnati a salvare raccolto agricolo da siccità’
Articolo successivoMasterplan Malpensa 2035, il Parco del Ticino: “Cargo city: la distruzione del territorio può essere evitata”