“NO all’abbandono alimentare, No allo spreco di rifiuti”. Al via la campagna ambientale, sociale ed educativa in 20 Comuni del Conzorzio

152

ALBAIRATE – Al via la campagna di informazione nel Sud Ovest Milanese contro l’abbandono dei rifiuti e lo spreco alimentare promossa dal Consorzio dei Comuni dei Navigli con la collaborazione del proprio appaltatore di servizi ambientali, Idealservice Soc. Coop, e rivolta agli Enti consorziati e a cittadini, studenti, associazioni e operatori commerciali del territorio servito. L’iniziativa di valenza ambientale e sociale è stata presentata alla stampa martedì 30 maggio nella sala consiliare del Municipio di Albairate.
«È importante che i cittadini, i turisti e le attività recettive e commerciali siano coinvolti attivamente al fine di ridurre l’incidenza di conferimenti impropri di oggetti ingombranti o potenzialmente inquinanti, in modo che l’ambiente sia preservato e il sistema di gestione integrata dei rifiuti sia ancora più efficace», afferma il presidente del Consorzio dei Comuni dei Navigli Carlo Ferrè.
L’obiettivo della campagna di informazione, che si svilupperà nell’arco del 2017, è di sviluppare la consapevolezza ambientale e coinvolgere attivamente tutti alla sfida di civiltà, attraverso incontri ed iniziative mirate. Prevede pure la possibilità di organizzare le collaudate giornate ecologiche durante, le quali gruppi di volontari armati di guanti e sacchetti, si adoperano per la pulizia di porzioni di territorio deturpate dall’abbandono dei rifiuti di varia natura.
Il Consorzio dei Comuni dei Navigli, costituito da 22 Comuni, gestisce il ciclo integrato dei rifiuti in 20 Comuni consorziati per un bacino di circa 120 mila abitanti, nei territori di: Albairate, Arluno, Bernate Ticino, Besate, Bubbiano, Busto Garolfo, Calvignasco, Casorate Primo, Cassinetta di Lugagnano, Castano Primo, Cisliano, Corbetta, Cusago, Inveruno, Mesero, Morimondo, Nosate, Ozzero, Vanzaghello e Vittuone.
Altro aspetto della campagna di informazione è la lotta allo spreco alimentare, allo scopo di far riflettere la popolazione sulle dinamiche legate alla produzione e alla disponibilità di cibo e risorse valorizzandone il loro significato economico e culturale per generare azioni virtuose di recupero.
Il consumatore è invitato a riflettere sul concetto che l’alta qualità e la bontà di un prodotto non devono essere associati alla sua perfezione estetica, un’astrazione fuorviante e superficiale. Ecco quindi che, nelle diverse declinazioni grafiche, vengono proposti prodotti alimentari che hanno forme inusuali e “brutte”. Le immagini e gli slogan adottati, diversi ma coordinati, invitano a guardare il cibo con occhi nuovi, intravedendo in essi delle risorse preziose qualsiasi sia il loro aspetto.
Al centro della campagna antispreco, essenzialmente rivolta a bambini e ragazzi delle scuole del territorio nell’anno scolastico 2017/2018, ci sono le attività ludiche ed educative, come il progetto “Per un fiore” e “La cena per 4” che coinvolgeranno gli alunni degli istituti scolastici aderenti. L’obiettivo è di spiegare i fenomeni connessi alla fruizione del cibo, con particolare attenzione ai differenti utilizzi e trattamenti della frazione organica, alle risorse energetiche e naturali ad essa connesse.
La strategia di comunicazione prevede l’utilizzo di strumenti informativi semplici e riconoscibili, rivolti sia alla visibilità sul territorio, sia alla diffusione delle informazioni tramite i media locali e il web, per ottenere capillarità e incisività d’informazione.
Le attività di comunicazione generale sono rivolte a tutte le utenze dei Comuni consorziati e prevedono l’affissione di manifesti, la diffusione di cartoline e pieghevoli e di comunicati stampa.

Articolo precedente“Bal Trap”, giovedì 1 giugno le Strade del Teatro approdano a Magenta
Articolo successivoClaudio Borghi (Lega) a Magenta: ‘Sovranità economica e monetaria, unica strada per tornare a crescere’