Nerviano, nella ex scuola di via Boschi si faranno i test sierologici anti Covid

    185

     

    NERVIANO –  Il locale è stato individuato. Ora si attende di sapere chi effettuerà il servizio di test sierologico e tamponi per l’identificazione del virus Sars Cov2 a beneficio dei cittadini. Un nodo che l’amministrazione comunale di Nerviano retta dal sindaco Massimo Cozzi conta di sciogliere promuovendo una manifestazione d’interesse. “L’amministrazione comunale – si legge in una nota diffusa dal comune – considerato il perdurare dell’emergenza epidemiologica, mette a disposizione gratuitamente un locale sito presso la vecchia scuola di via dei Boschi per l’effettuazione dei test  a cittadini residenti che, spontaneamente, decideranno di sottoporsi al prelievo e ne sosterranno l’intero costo a prezzi agevolati”.
    Le manifestazioni di interesse da  parte dei laboratori interessati a svolgere questo servizio di indubbia rilevanza sociale potranno pervenire fino alle 12 dell’11 gennaio 2021.

    I test sierologici si basano sull’analisi del sangue del paziente. Possono essere rapidi (è sufficiente una goccia di sangue) o quantitativi (occorre sottoporre il paziente a un prelievo di sangue).

    test sierologici qualitativi rapidi permettono di scoprire se il soggetto è entrato in contatto con il virus e il suo sistema immunitario ha pertanto prodotto anticorpi di risposta. I test sierologici quantitativi invece consentono un dosaggio specifico degli anticorpi prodotti. Il test sierologico dunque evidenzia la presenza di anticorpi contro il virus e indica l’eventuale avvenuta esposizione a SARS-CoV-2; la positività è tardiva e quindi non è un test indicato per rilevare un’infezione in corso. Pertanto non può sostituire il test molecolare (il tampone) per verificare o meno la positività di un soggetto. Questo tipo di test può essere utili in campo epidemiologico per stimare la diffusione dell’infezione all’interno di una comunità.

    Cristiano Comelli
    Articolo precedentePolveri sottili sempre sopra la soglia, sia a Milano che a Magenta
    Articolo successivoParabiago progetta il futuro del centro cittadino: scelto il progetto architettonico