Nerviano, il Tar accoglie ricorso sulle Poste di Sant’Ilario

230

 

NERVIANO – Sindaco del paese non lo è più da qualche giorno. La battaglia, però, l’ha portata avanti quando lo era. Per questo Massimo Cozzi, ex primo cittadino di Nerviano, accoglie con particolare soddisfazione l’esito di una sentenza del Tar della Lombardia che ha accolto un ricorso presentato dal comune nel 2015 contro la decisione di Poste Italiane di chiudere l’ufficio di Sant’Ilario.

La sentenza ha stabilito anche che Poste Italiane debba rifondere al comune le spese legali sostenute pari a 3000 Euro. “Naturalmente la battaglia legale è ancora lunga – dice Cozzi –  ma questa prima sentenza è chiarissima e sancisce l’illegittimià della chiusura dell’ufficio postale della frazione. Ricordo che furono raccolte più di mille firme contro quella chiusura con diverse manifestazioni di piazza, una chiusura che danneggiò soprattutto gli anziani di Sant’Ilario”.  Cozzi conclude auspicando che “si vada fino in fondo a questa battaglia per far riaprire l’ufficio postale di Sant’Ilario senza se e senza ma”.  Per Cozzi una prima vittoria in una battaglia nella quale si è speso molto, per i cittadini della frazione nervianese un passo che dà speranza.

Articolo precedenteD’Ambrosio e Dimarco firmano il 2-0 dell’Inter a Empoli
Articolo successivoCasorezzo, il Comune installa due nuovi impianti fotovoltaici