Nerviano, 180mila euro per la SS del Sempione

    128

     

    NERVIANO – La sua valenza viabilistica è fuori discussione, il suo ruolo di collegamento tra Legnanese e Rhodense pure. La strada statale del Sempione, proprio per questo, esige di essere curata a dovere per restare al riparo dall’usura del tempo  per i molti veicoli che quotidianamente vi transitano. L’amministrazione comunale di Nerviano ha deciso di dare alla parte che le compete per territorio un’iniezione di ulteriore sicurezza. E per farlo ha accantonato una parte del sostanzioso contributo di 500 mila Europervenutole dalla Regione per gli anni 2020-2021, ovvero 180 mila.

     

    Gli interventi in gioco vanno nella direzione di mettere un timbro più marcato sulla sicurezza di alcuni punti sensibili dell’arteria. Il compito di entrare nei dettagli se lo è assunto l’assessore ai lavori pubblici Nazzareno Rimondi: “abbiamo pensato di provvedere alla riqualificazione della Costa di San Lorenzo – esordisce – che, per quanto concerne Nerviano,  è provvista di marciapiedi che devono essere messi in sicurezza. In più andremo a mettere in sicurezza la massicciata stradale della zona della Colorina, riqualificheremo la corsia di decelerazione che immette al centro commerciale”.  Ma su quel tratto vi sono anche transiti di autobus e si pone quindi il problema di assicurare alle persone che li attendono una maggiore dose di tranquillità. Per questo, nell’agenda migliorativa stilata dalla giunta, figura anche la messa in sicurezza delle fermate degli autobus all’altezza della frazione di Garbatola. Rimondi compendia la disamina sugli interventi correttivi con un ragionamento di carattere più generale: “il nostro intento – ha concluso – era individuare opere di particolare rilevanza per il nostro territorio sulle quali fosse possibile intervenire quanto prima”.  Conciliando, in questo caso, la sicurezza veicolare con quella di chi la statale 33 la vive invece da pedone o come fruitore di forme di mobilità alternative. Tutto in moto rettilineo? Per Sergio Parini, ex primo cittadino nonché attuale esponente dell’opposizione con la lista “Scossa Civica- La Comunità”, non esattamente: “nel Pgt – ha affermato – si voleva trasformare il Sempione in viale urbano, adesso si vengono a proporre degli interventi che sono soltanto soluzioni tampone e senza avere una visione progettuale generale”.

    Cristiano Comelli

    Articolo precedenteStrada (LCE): ‘Metropolitana fino a Corsico, la Regione anticipi i 900mila euro al 2021’
    Articolo successivoParabiago, 700mila euro dalla Regione: ecco come il Comune intende spenderli