Nell’incanto di Morimondo, il 20 e 21 maggio, torna Trecentesca

    39

    TRECENTESCA 2017
    Medieval storytelling in epoca Viscontea
    XVIII anno
    Sabato 20 – Domenica 21 Maggio

    MORIMONDO – Con il coordinamento della Compagnia di Porta Giovia per l’aspetto rievocativo, della parrocchia per l’accoglienza e il ristoro e del Museo dell’abbazia per la parte didattica dei laboratori, nel week and del 20 e 21 maggio si attendono quasi 400 rievocatori provenienti da diverse nazioni europee, come dalla Inghilterra, Germania, Polonia, Francia, Austria, Svezia, Danimarca, Ungheria, Cecoslovacchia. Dall’Italia i gruppi di rievocazione provengono dalla Lombardia, dal Veneto, dal Tirolo, dalla Liguria, dalla Emilia Romagna, dalla Toscana, dall’Umbria, dalle Marche.

    La novità di quest’anno sono il castello dell’amor cortese: serie di giochi di corte tra nobili e dame e tornei a cavallo e a piedi.

    I due campi degli attendati, sono un vero museo all’aperto e sono occasione per ammirare anche le espressioni delle arti minori che ricostruiscono con minuzia la manualità degli artigiani del XIV secolo: ogni tenda infatti aveva tutto per poter vivere e superare i disagi di una vita quotidiana all’aria aperta, nei periodi in cui si disputavano guerre e conflitti.

    La battaglia di Casorate del 1356, fu un episodio vincente del conflitto tra i Visconti Capitanati da Lodrisio e la lega imperiale comandata da Conrad Von Landau.

    A Morimondo non si assisterà a quello che probabilmente fu un attacco a sorpresa al grosso convoglio diretto a Pavia per svernare, ma ad una vera e propria battaglia da campo in cui due eserciti si affrontano in campo aperto, con scaramucce, scontri, manovre, per sopraffare l’avversario fino al punto o di sbaragliarlo catturando il comandante.

    Nel contesto delle due giornate ci sono i laboratori didattici del museo di Morimondo, quello di miniatura e quello di erboristeria, che ripropongono le arti e mestieri in uso nei monasteri, legati sia alla loro attività di trascrizione dei testi antichi che di attivita caritatevole attraverso l’ospitalle pauperum.

    Nei due giorni, da sabato sera a domenica sera, sarà possibile trovare ristoro presso la sala capitolare, allestita a Taverna Medievale, in cui si potranno assaggiare sia torte medievali che la birra cruda Schlossbrauerei proveniente dalla Baviera, e nel giardino antistante con la cucina tradizionale nella locanda Lecatund. Vera attrazione gli arrosticini abruzzesi cotti e serviti dagli alpini di Abbiategrasso.

    PROGRAMMA

    SABATO 20 MAGGIO

    15.00-16.30 Vita quotidiana al campo medievale
    15.00-18.00 Laboratori per tutti: Arti e mestieri dei monaci presso l’abside dell’Abbazia a cura del Museo dell’Abbazia
    15.30 tornei a cavallo e a piedi tra gli accampamenti medievali
    17.00 S. Messa in Abbazia anima la Schola Gregoriana Mediolanensis
    21.00 Battaglia notturna tra gli accampamenti medievali

    DOMENICA 21 Maggio:

    10.30 S. Messa in abbazia: anima il Gruppo vocale In tempo rebelli di Vigevano
    11.30 Processione dalla chiesa ai campi: benedizione delle Bandiere e salve di artiglieria medievale
    15.00 Il castello dell’amore: giochi di corte
    17.00 torneo a cavallo tra gli accampamenti medievali
    18.00 Rievocazione storica della Battaglia di Casorate, avvenuta nel 1356 tra eserciti viscontei e imperiali
    (l’orario del torneo e della battaglia potrebbe essere anticipato a causa del tempo)

    RISTORO
    Dal sabato sera e dalla domenica a panzo:
    Locanda del Lecatund con piatti tradizionali, salamelle, panini ecc…
    Nella Sala Capitolare Taverna Medioevale con birra cruda e torte realizzate con ricette medievali.

    INFORMAZIONI

    Per informazioni: Segreteria Fondazione 02.94961919 da lunedì al giovedì, dalle 9.00 alle 12.00

    Articolo precedenteLa millenaria chiesa di San Nicola al Padregnano, nella Valle del Ticino
    Articolo successivoCentrodestra in ansia da prestazione (ma sempre meglio del coma farmacologico di questi 5 anni…)