“Negozi sotto le Stelle”: bene la 14 esima edizione ma dall’anno prossimo…

    94

    MAGENTA – Fumata bianca per l’edizione numero 14 dei ‘Negozi sotto le stelle’ che si è conclusa giovedì scorso.  La tradizionale iniziativa di Confcommercio Magenta Castano Primo in collaborazione con gli altri negozianti del centro cittadino e con il patrocinio dell’Amministrazione comunale dei negozi aperti al giovedì, anche quest’anno nei mesi di giugno e luglio ha attirato un vasto pubblico. Tutti i giovedì sera, complici anche le diverse attrazioni organizzate dalla stessa Giunta – in primis la serata speciale con le moto di SC Project – molta gente, anche da fuori città, ha affollato le vie del centro storico. Si guarda dunque il bicchiere mezzo pieno. Anche se il discorso rispetto agli incassi delle singole attività commerciali è ancora tutto da vedere. “Per noi comunque – dichiara il Presidente Luigi Alemaniil risultato è stato centrato. Il nostro obiettivo era quello di portare gente in città e direi che sotto quest’aspetto, grazie all’impegno di tutti, Comune, Unione del Commercio e negozianti, il traguardo è stato tagliato”. In prospettiva, però, potrebbe cambiare qualcosa.  O meglio, potrebbe essere che si torni al passato. La gestione dei mercatini d’arte e mestieri che quest’anno era stato affidata esternamente a Confcommercio (alla Signora Mascazzini ndr) dall’anno venturo tornerà in capo all’associazione di categoria di via Volta. “Vogliamo essere ancor più protagonisti – rincara la dose Alemani – così dal 2019 la gestione dei mercatini sarà ripresa in mano dalla Confcommercio”. Il Presidente non lo dice apertamente, ma è noto, che qualche disguido segnalato dagli stessi esercenti, si sia verificato soprattutto nel primo giovedì dei ‘Negozi sotto le stelle’. In altre parole, l’obiettivo di Confcommercio è di “fare le cose per bene sotto ogni punto di vista”.

    Messi in archivio i ‘Negozi sotto le Stelle’ ora si guarda all’ormai prossima fiera di San Rocco del 16 di agosto con la collocazione delle bancarelle che come tutti gli anni interesserà anche la via Garibaldi. “Il nostro auspicio – aggiunge il Vice presidente e da sempre referente del mondo degli ambulanti Emiliano Masperiè che la via Crivelli sia come anticipato dall’Amministrazione, finalmente aperta. Perché è una via d’accesso troppo importante anche per tutti quelli che raggiungeranno la Fiera. Naturalmente, poi, speriamo in una miglior programmazione e condivisione dei lavori quando il cantiere interesserà la via Garibaldi nel 2019″.

    Sempre a proposito degli esercenti di via Crivelli la Confcommercio ha avanzato una precisa istanza all’Amministrazione comunale.Abbiamo chiesto degli sgravi fiscali rispetto anche alle tasse comunali alla luce della pesante situazione che hanno dovuto e stanno sopportando tutt’ora i commercianti della via Crivelli e delle vie attigue. Siamo in attesa anche su questo di una risposta da parte del Comune” dice Alemani. Che chiude con una sottolineatura sul ruolo della provincia e dei territori all’interno della famiglia di Confcommercio.Noi cerchiamo di far sentire il peso dell’associazioni territoriali e penso che un primo risultato importante sia arrivato dalla conferma di Carlo Alberto Panigo (nella foto sopra al fianco di Alemani)  nel ruolo di Vice Presidente di Confcommercio con incarico specifico all’area metropolitana milanese e delle province di Monza Brianza e Lodi. La sua riconferma che personalmente mi fa molto piacere significa che stiamo lavorando nella giusta direzione e che soprattutto la provincia all’interno della nostra organizzazione riveste un peso specifico particolare”.

     

    F.V.

    Articolo precedenteAl Justyn di Mesero questa sera torna la grande musica di Elvis
    Articolo successivoPreservativi gratis. Lo strappo di Luca Del Gobbo: “Un grave errore stravolto il ruolo dei consultori”