Nasce Oasi Ca’ Granda, spazi di ‘incanto’ a due passi da Milano

    9

     

    MILANO  L’ultimo progetto della Fondazione Patrimonio Ca’ Granda fa rivivere e conoscere al grande pubblico un territorio con una storia unica: quello delle antiche terre dell’Ospedale Maggiore Policlinico di Milano. Un patrimonio di tutti, vicino a Milano, da scoprire grazie a itinerari ancora poco conosciuti, esperienze enogastronomiche, spesa a km0 e un ricco calendario di eventi settimanali en plein air, rispettando le misure anti-Covid

    Volare in mongolfiera su pianure, fiumi e boschi. Immergersi nella natura lungo canali e risorgive, in sella alla propria bicicletta. Riscoprire la vera cucina tradizionale lombarda con un pranzo in agriturismo. Fare la spesa a km0 acquistando i prodotti del territorio. Ammirare antiche abbazie, chiese, cappelle e cascine dalla gloriosa storia.

    Non è un film, ma un sogno che si realizza: tutto questo è ora possibile nell’Oasi Ca’ Granda, l’ultimo progetto di valorizzazione della Fondazione Patrimonio Ca’ Granda che fa rivivere questo grande tesoro di natura e cultura dal Ticino all’Adda, frutto di sei secoli di donazioni, proponendone la scoperta.

    Fiore all’occhiello dell’Oasi Ca’ Granda è il ricco calendario di eventi, attività ed esperienze all’aria aperta per grandi e piccoli a cadenza settimanale, come ad esempio le avventure in canoa o a cavallo, i laboratori didattici e i camp per bambini. Tutto da vivere en plein air in piena sicurezza, rispettando le misure anti Covid.

    Dove trovare tutte le informazioni per scoprire l’Oasi? Da oggi sul sito www.oasicagranda.it è possibile conoscere percorsi, attività, eventi, tappe golose nelle cascine e notizie, per uscire dal caos della città e godersi, da soli, in compagnia o in famiglia, la pace e la bellezza di questi luoghi fuori dal tempo.

    Le origini dell’Oasi Ca’ Granda ci portano lontano. Il suo nome deriva da quello dell’antico Ospedale
    Maggiore di Milano, l’attuale Policlinico: fondato nel 1456, fin dalle origini fu chiamato affettuosamente “Ca’ Granda” perché accoglieva e curava tutti, in particolare i più bisognosi. Papi, nobili e borghesi donarono alla Ca’ Granda numerosi terreni e cascine: da affittare per sostenere le cure gratuite; da coltivare per nutrire pazienti, poveri e orfani.

    Un’eredità unica al mondo, difesa nei secoli dagli insediamenti urbani per preservarne l’identità originaria, di cui dal 2015 si prende cura la Fondazione Patrimonio Ca’ Granda, impegnata a valorizzare le qualità agricole, ambientali e culturali del patrimonio affidatole: 8.500 ettari di terreno, 100 cascine, tre chiese e un’abbazia, quella di Mirasole.

    Porte aperte all’Oasi Ca’ Granda il 19 e 20 giugno

    L’Oasi Ca’ Granda si presenta a tutti nel weekend del 19 e 20 giugno quando cascine, agriturismi, botteghe e fattorie didattiche daranno un benvenuto speciale a tutti i visitatori con attività all’aria aperta. Appuntamento clou domenica 20 giugno all’abbazia di Mirasole dove si terranno laboratori per bambini, giochi antichi, visite guidate nelle campagne circostanti e una mostra fotografica nei chiostri.
    Tutte le attività sono gratuite, previa registrazione, con un numero di posti limitato per garantire il rispetto delle misure anti Covid.

    Articolo precedenteUn grande murales grazie ai giovani di Villa Cortese
    Articolo successivoMagenta: Librando e Bevendo e il gruppo lettura Rosso Magenta rievocano i 700 anni dalla morte di Dante con una mostra (VIDEO)