Monza: picchiano e imbavagliano connazionale per debito. Arrestati due srilankesi

Alla base del gesto, la richiesta di restituzione di una somma di denaro prestatale il mese scorso che, secondo gli accordi, la donna avrebbe dovuto restituire a breve.

+ Segui Ticino Notizie

Ricevi le notizie prima di tutti e rimani aggiornato su quello che offre il territorio in cui vivi.

Hanno picchiato una connazionale, poi l’hanno imbavagliata e legata a una sedia, il tutto per convincerla a restituire una somma di denaro che le avevano prestato. E’ accaduto a Monza lo scorso venerdì 1 dicembre. Nel pomeriggio la sala operativa della questura di Monza ha ricevuto una richiesta d’aiuto dalla vittima, una 43enne di nazionalità srilankese che agli agenti ha riferito di essere bloccata, legata mani e piedi, in un appartamento al quinto piano di uno stabile. Immediatamente le volanti presenti sul territorio, insieme a personale della squadra mobile e dei vigili del fuoco, sono intervenuti per prestare soccorso alla donna. Giunti sul posto, l’hanno trovata sul balcone che chiedeva aiuto.

I pompieri, muniti di autoscala, l’hanno quindi raggiunta e, accertate le sue condizioni di salute, l’hanno fatta scendere mettendola in sicurezza per poi sottoporla alle cure del personale sanitario. La donna ha spiegato di essere stata picchiata, legata a una sedia e imbavagliata nel pomeriggio di giovedì da tre suoi connazionali. A portarla in quell’appartamento erano stati due conoscenti, un uomo e una donna anch’essi dello Sri Lanka, che con una scusa l’avevano invitata, poi una volta all’interno dell’abitazione, l’avevano picchiata e sequestrata. Alla base del gesto, la richiesta di restituzione di una somma di denaro prestatale il mese scorso che, secondo gli accordi, la donna avrebbe dovuto restituire a breve.

– Nel giro di poco tempo, i poliziotti della squadra mobile sono riusciti a rintracciare le due persone coinvolte nel sequestro di persona: un uomo ed una donna srilankesi rispettivamente di 44 e 25 anni, regolari sul territorio italiano e un’altra donna di 26 anni, anch’essa srilankese, che si trovava all’interno dell’abitazione al momento dei fatti. Dei tre soggetti coinvolti, l’uomo ed una delle due donne, venivano sono stati arrestati; quanto alla 26enne, a seguito di accertamenti in banca dati effettuati da personale dell’Ufficio Immigrazione, è emerso un rigetto di ricorso per asilo politico e, nell’immediato, le è stato notificato il provvedimento di espulsione adottato dal prefetto di Monza e della Brianza.

Nei confronti della stessa, il questore ha disposto la misura alternativa dell’obbligo di presentazione alla pg con conseguente ritiro del passaporto, per il tempo strettamente necessario per l’organizzazione del rimpatrio ed il conseguente allontanamento definitivo dal territorio Italiano. La vittima è stata accompagnata in codice giallo presso il locale nosocomio ed è stata dimessa con 10 giorni di prognosi. Le indagini dei poliziotti della squadra mobile, coordinati dalla procura, continuano per fare maggiore chiarezza sull’accaduto.

■ Prima Pagina

Ultim'ora

Pubblicità

Ultim'ora nazionali

Pubblicità

contenuti dei partner