Stuzzicamenti

Monsignor Luigi Negri su Chiesa, modernità e Islam

Il monito dell'arcivescovo di Ferrara: 'Ci stiamo arrendendo all'anticristianesimo'

 

 Si dice pessimista sul futuro della Chiesa, monsignor Luigi Negri, arcivescovo emerito di Ferrara, intervistato da Libero, perche’, spiega “negli ultimi decenni la Chiesa, nonostante gli straordinari magisteri di San Giovanni Paolo II e di Benedetto XVI, ha imboccato una china che la sta portando ad arrendersi alla forza dilagante dell’ anticristianesimo: sta cedendo alla mentalita’ dominante e si accontenta di rifugiarsi in una sorta di riserve, gia’ imposte in questi secoli a molte altre minoranze religiose e culturali”.

“Papa Francesco – spiega anche mons. Negri – viene strumentalizzato dal pensiero dominante e la sua denuncia iniziale sta perdendo forza. Ormai c’e’ una connivenza tra un certo cristianesimo e la societa’ laicista, alla quale la Chiesa sembra ormai incapace di dire dei “no”, che sarebbero a mio avviso assolutamente necessari”. A differenza del cattolicesimo, l’islam non e’ in crisi, spiega poi l’arcivescovo emerito, “perche’ ha una vocazione politica piu’ che religiosa: l’islam piu’ che una fede e’ una legge, uno status, sintetizzato dal termine sharia”.

Preoccupa perche’ “a differenza del cristianesimo – prosegue -, che esalta la liberta’ dell’uomo e la sua irriducibilita’, al punto da renderlo partner di Dio nella fede, l’islam non tiene in considerazione la persona. Il musulmano vale solo per il contesto sociale e politico nel quale vive. Non a caso l’islam si diffonde tra i deboli, che hanno bisogno dell’autorita’ per sentirsi protetti. Un altro aspetto preoccupante e’ la sua tendenza ad abbattere i valori della civilta’ occidentale, primo tra tutti quello della distinzione invalicabile tra politica e religione”.

“Nell’islam – aggiunge – le autorita’ religiose, che in molti casi fungono anche da autorita’ civili, amministrano la giustizia nei loro tribunali impartendo fatwe che prevedono anche la pena di morte. Il tutto senza che si veda con chiarezza la base di questa autorita’ sociale. C’e’ poi l’aggravio dell’assenza di una interpretazione univoca dei testi religiosi”.

(Fonte: Ansa)

Tag
Vedi Altro

Redazione

Redazione Ticino Notizie

Potrebbe Interessarti

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
Close

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi