Cultura/Tempo LiberoNews

Mondi Lontanissimi – Loide e Leonardo, le due anime del Blu Mery (di Sabrina Carrozza)

 

 

– Senza di me è perso.
-E tu, sei persa senza di me?
Non credo proprio.

BOA VISTA – CAPO VERDE Si sono sposati solo due anni fa nel loro locale, il Blu Mery, che si trova subito all’ingresso di Sal Rei. Ma stanno insieme dal 1994, Leonardo e Loide. Il matrimonio lo hanno voluto in pieno stile capoverdiano, una festa allegra e lunghissima circondati da duecento amici e parenti, e insieme a loro si è sposato anche il nipote di lei. Ma le radici di questo amore che non smette mai di essere friccicarello nascono e crescono a Roma.

Loide, bubista vera, arriva in Italia a vent’anni e a Roma ha la sua rete capoverdiana di sicurezza e inizia a curare bambini, poi a fare le pulizie. La comunità era numerosa e molto unita (nel 2014 vivono nella Capitale circa 1500 capoverdiani, con Piazza Fiume come zona di ritrovo) e frequenta i luoghi dei sui connazionali, come la discoteca Criola del quartiere Tiburtino. Ed è andata che è bastato uno sguardo incrociato durante un’affollatissima serata per non separarli più. Ha trovato subito il principe azzurro, dice lui, scherzando. Ma neanche troppo. A Boa Vista è sempre questione di sguardi…

Leonardo conosceva già molto bene il mondo della ristorazionema per lei, bellissima giovane che incarna tutti i punti di forza delle donne di Boa Vista, è stato come raccogliere una nuova sfida, “come scendere in guerra”, scherza. Entrata come lavapiatti in un ristorante del quartiere Parioli, in sette anni ha dimostrato di poter stare egregiamente dietro i fornelli. Sette anni di lavoro intenso, e quasi totalizzante che lasciava poco spazio alla vita famigliare. Nonostante il successo, questa invasione è stato uno dei motivi che ha spinto Loide e Leo a cercare un nuovo modo di vivere, più libero; e in un paradiso, dice lui, che si era anche sottoposto a una delicata operazione.


La prima vacanza a Boa Vista risale al 2010, ed è bastata quella prima volta a dare forma a un nuovo sogno, che si è definito nei contorni e nei dettagli negli anni successivi. Nel Paese di Loide c’era la famiglia e un terreno sul quale, sei anni dopo, è sorto il Blu Mery. Insieme a loro la terza nata, Marina, adolescente che a sua volta ha mostrato la stoffa di mamma, imparando la lingua da zero.

Oggi il Blu Mery ha compiuto cinque anni, uno e mezzo dei quali alle prese con la pandemia che ha portato via tutti i turisti che lo hanno sempre riempito. Il ristorante, infatti, ha una cucina che accontenta tutti coloro che giungono a Sal Rei: non si dimenticano i piatti della tradizione romana, ma la freschezza del pesce e delle altre materie utilizzate lo rendono una tappa obbligata. La clientela è sempre stata varia, ma la chiusura mondiale ha accentuato quello che già si sapeva ma non si vedeva: i locali hanno uno stipendio mensile molto basso (che si aggira sulle 200/300 euro mensili di media) e una cena fuori con la famiglia era una rarità prima, figurarsi ora. Ma, nonostante tutto, si organizzano ugualmente serate a tema, con musica di grande livello (Ceuzany è stata ospite da pochissimo).

Una categoria, quella dei ristoratori, fortemente colpita, ma Loide e Leo non perdono il sorriso nemmeno ora: il locale è di loro proprietà, in sala c’è Marina insieme al fidanzato e in cucina ci sono loro. Che litigano di continuo. “Andiamo d’accordo perché litighiamo spesso”, scherza lui, anche in questo caso rivelando una grande verità. Le loro sessioni di cucina fuoco intorno ai fuochi: lui alla linea e agli antipasti, lei regina incontrastata di tutto il resto. Ma non esce piatto senza l’approvazione di entrambi, sempre condita dai loro battibecchi. Perché in cucina si scontrano due modi diversi di lavorare e i due non se le mandano a dire. “Se mi dice una cosa, non la lascio per il domani”, dice Loide. In due minuti si dicono le cose peggiori, dal terzo minuto tutto passa. Un taca taca irresistibile.

E anche se dicono di essere aperti per hobby, perché la clientela è davvero molto poca…hanno proprio l’aria di divertirsi parecchio. Bravissimi e friccicarelli. Due anime per il Blu Mery, in attesa che tutto riparta. O saremo pronti a nuove avventure, dice lei, guerriera capoverdiana fino in fondo.

Facebook: Blu Mery

Da Trueboavista- di Sabrina Carrozza  (https://www.facebook.com/search/top?q=trueboavista)

Redazione

Redazione Ticino Notizie

Related Articles

Back to top button

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi