Milano, truffa dello specchietto in zona Fiera: un arresto

208

L’appello della polizia ai cittadini: “Siate prudenti e segnalate casi sospetti”

 

MILANO – Sorpreso in flagranza a commettere la cosiddetta ‘truffa dello specchietto’, un 27enne con numerosi precedenti di polizia è stato arrestato ieri a Milano in via Enginardo. L’uomo è stato individuato dagli agenti del commissariato Bonola, impegnati in un servizio di contrasto ai reati predatori, mentre cercava potenziali vittime tra i quartieri Fiera e Bonola.

I poliziotti lo hanno seguito, fino ad assistere alla truffa. La tecnica è nota: si simula un finto incidente stradale, con danneggiamento dello specchietto retrovisore. A quel punto, il truffatore cerca dapprima di coinvolgere le assicurazioni, per poi tentare di chiudere la controversia in modo bonario, richiedendo un risarcimento sul posto per il danno simulato. Così è andata ieri pomeriggio, quando il 27enne è riuscito a ottenere dalla sua vittima, un italiano, 200 euro. Gli agenti che hanno assistito alla scena, però, lo hanno arrestato in flagranza per truffa.

Lo fa sapere una nota della Questura di Milano, che raccomanda ai cittadini di “essere prudenti e segnalare i casi sospetti, informando immediatamente le forze dell’ordine o chiamando il numero unico di emergenza 112, per contrastare queste azioni illegali”.

 

Articolo precedenteLegnano, impianto FORSU: anticipati a settembre i monitoraggi olfattivi con i ‘nasi elettronici’, già avviati quelli acustici
Articolo successivoColdiretti: crisi energia spinge boom del bio che abbatte i consumi