Milano Torino, ‘un mito’: il via da Magenta il 10 ottobre, ora è ufficiale

    122

     

    MAGENTA – Ticino Notizie ci aveva visto giusto: l’edizione 2018 della Milano Torino, la più antica corsa del circuito professionistico di ciclismo, partirà da Magenta il prossimo 10 ottobre, un mercoledì.

    La presentazione ufficiale è fissata per mercoledì in Casa Giacobbe.

    Si tratta di un gran colpo per l’Amministrazione di Chiara Calati, e dopo la tappa del Giro d’Italia partita da Abbiategrasso a maggio conferma che l’Est Ticino è ormai terra d’elezione per il grande ciclismo.

    La Milano Torino è indubbiamente una corsa dal grande fascino. Erano infatti le 4 del mattino del 25 maggio 1876 quando otto temerari si presentarono con i propri velocipedi al via della 1ª Milano-Torino, la più antica corsa di ciclismo al mondo. Partirono all’alba per poter raggiungere il traguardo ancora con la luce del sole, dopo 150 km percorsi a poco più di 13 km orari. Arrivarono a Torino in corso Giulio Cesare e vinse Paolo Magretti, uno studente universitario che sarebbe poi diventato famoso come naturalista, esploratore e per i suoi studi di zoologia. Con lui finirono la corsa tre concorrenti, degli altri quattro invece si persero le tracce.

    Curiosamente non riuscirono mai a conquistarla i due più grandi campioni di sempre, Fausto Coppi ed Eddy Merckx. E la Milano-Torino rischiò anche di costare cara a un altro fuoriclasse, Marco Pantani, che nel 1995 fu investito da un’auto nella discesa verso l’arrivo e subì una doppia gravissima frattura. Allora come oggi il tracciato comprendeva il Colle di Superga, che da qualche anno è diventato il suggestivo teatro d’arrivo: perché la decana delle classiche, che ha fatto la storia del ciclismo mondiale, deve avere un percorso per grandi corridori.

    A quanto filtra, la corsa avrà come punto di ritrovo piazza Mercato, mentre i corridori dovrebbero percorrere le strade del centro e passare successivamente dalla frazione di Pontevecchio. Ribadiamo: gran colpo, per la città.

    Articolo precedenteASM e AEMME, tra Magenta e Legnano ecco (numerose) offerte di lavoro
    Articolo successivoSchiume nel Naviglio Grande, interrogazione di Curzio Trezzani in Regione Lombardia