Milano, Tex Willer in mostra nella sede di Assolombarda

    89

     

    MILANO – Una leggenda che dal 1948 rappresenta un’icona del fumetto. Si tratta di Tex, il ranger piu’ amato dagli italiani, celebrato, da ieri e per un mese, con una mostra multimediale a lui dedicata presso la sede di Assolombarda, in via Pantano 9 a Milano. L’iniziativa rientra nel progetto “Forse non tutti sanno che” di Assolombarda, che prevede l’esposizione delle icone dell’industria e della cultura italiana all’ingresso della sede dell’Associazione. “Tex e’ un fenomeno di costume da piu’ di 70 anni. Una vera leggenda del fumetto italiano che ha saputo farsi apprezzare anche all’estero”, ha dichiarato Alessandro Scarabelli, direttore generale di Assolombarda.

    “Tex” di Sergio Bonelli Editore e’ il sesto appuntamento di “Forse non tutti sanno che”, dopo la “Schiscetta” di Caimi Brevetti, il primo numero della Gazzetta dello Sport, i due trofei “Coppa della UEFA Champions League” e l’originale calco in gesso della “Coppa del Mondo FIFA” della G.D.E. Bertoni, le “Viti Critiche” di Brugola e il costume del “Rigoletto”.

     Vengono esposti quattro tra gli albi piu’ importanti della storia di Tex. Il numero 1, la “Mano Rossa”, pubblicato nel 1958 per la prima volta in formato “gigante”; il numero 695, “L’ultima vendetta”, presentato in edicola interamente a colori e con la copertina dipinta per festeggiare i 70 anni di vita editoriale. Oltre a “Vivo o morto” e “L’oro dei Pawnee”, rispettivamente il primo albo della nuova collana “Tex Willer” dedicata al racconto delle avventure del giovane Tex e la 700 pubblicazione che, come vuole la tradizione per ogni ricorrenza, viene celebrata integralmente a colori.

    Inoltre, il tributo a Tex prevede anche una sala multimediale e multisensoriale, grazie alla quale i visitatori potranno immergersi nella storia di questo mitico fumetto scoprendone curiosita’, caratteristiche e aneddoti originali.

     

    Articolo precedenteForza Italia-2, l’unica speranza nell’est Ticino è che Luca Del Gobbo prevalga su Marco Ballarini – L’ANALISI
    Articolo successivoCasorezzo: riparte l’Amministrazione di Pierluca Oldani