Milano Monza Motor Show – Andrea Monti (Lega): “Proteste degli ambientalisti strumentali”.

    120

    MONZA MB«Ambientalisti contro il Milano Monza Motor Show? Che sciocchezza. Spiace constatare che qualcuno, evidentemente alla ricerca disperata di visibilità, decida di scagliarsi contro un evento importante, che per il nostro territorio può trasformarsi in una grande opportunità, facendo diventare le due città interessate il cuore dell’industria automobilistica del futuro». Così il vicecapogruppo del Carroccio al Pirellone Andrea Monti.
    Che aggiunge: «Dire di no a una manifestazione di questo tipo, che per inciso prevede la transizione ecologica, solo perché qualcuno crede che la mobilità privata possa essere sostituita da quella pubblica è una follia; la stessa Legambiente faccia pace con sé stessa: è impegnata nella transizione del mondo automotive ma poi vorrebbe boicottare manifestazioni fieristiche come questa, che hanno invece l’obiettivo di spingere il mercato alla transizione. Viene da pensare, come io credo da tempo, che per taluni l’ambientalismo sia solo un argomento utile da sfruttare a fini politici, per ramazzare facili consensi, spazi e visibilità mediatica. Chissà se chi critica certe iniziative come il Milano Monza Motor Show si rende conto che, di fatto, prende posizioni in netto contrasto con gli obiettivi ambientali? Alla faccia della coerenza.
    «Personalmente», conclude Monti, «spero che la manifestazione possa superare il momento di difficoltà patito con lo stop da coronavirus. Sarò presente al Milano Monza Motor Show, a cui auguro grande futuro. Spiace constatare la miopia di talune associazioni che continuano ad additare ingiustamente l’automobile come nemico numero uno dell’ambiente, quando sono ben altri i fattori determinanti dell’inquinamento. Fattori che questi professionisti dell’ambientalismo casereccio, chissà perché, non citano mai».

    Articolo precedenteCostume: la prima volta delle Milf con il Duca di Saronno in giuria
    Articolo successivoA proposito di PGT e partecipazione. Silvia Minardi: “Non ci siamo proprio” (Ha ragione)