Milanese, 17enne in carcere con accusa di omicidio. Il Gip, ‘ferocia inaudita’

81

 

MILANO  Hanno dimostrato una “ferocia” quando “non soddisfatti dell’accoltellamento, si sono avvicinati a Stucchi, ormai inerte sul marciapiede, e hanno continuato a colpirlo”. E’ quanto scrive il gip del tribunale per i minorenni di Milano, Nicoletta Cremona, del 17enne presunto autore dell’aggressione mortale ai danni del 21enne originario di Vimercate durante la maxi rissa del 29 settembre 2021 a Pessano con Bornago (Milano) e del fratello minore di 15 anni.

“Subito dopo il fatale attacco” il maggiore dei due fratelli “viene descritto come assolutamente tranquillo e anzi euforico”, si legge nell’ordinanza che ha disposto la custodia cautelare in carcere per i due minorenni. “Anche nei giorni e nelle settimane successive, i due fratelli hanno trascorso le loro giornate in condizioni di assoluta normalita’, con l’unica loro preoccupazione di non venire individuati e di sviare le indagini”, osserva ancora il giudice.

E’ l’allora 17enne (ora maggiorenne), scrive il gip del Tribunale per i minorenni Nicoletta Cremona, nell’inchiesta coordinata dalla Procura minorile guidata da Ciro Cascone, “il principale indiziato dell’omicidio di Stucchi”, essendo stato “identificato come colui che ha inferto la prima coltellata e che poi ha continuato a colpirlo unitamente a non meno di altre tre persone, una volta che il ragazzo si era accasciato lungo la via Monte Grappa”.
Altri tre, oltre il 17enne e il 15enne (in carcere), sono i minorenni indagati per vari reati tra cui anche il concorso nell’omicidio, ma il gip ha riconosciuto quest’ultimo reato, oltre che per i due fratelli, solo per altri due ragazzi (collocati in comunita’). Nel filone a carico di 19 maggiorenni, invece, a sei di loro viene contestato il concorso anomalo nell’omicidio.

Subito dopo il “fatale attacco”, scrive il gip, il 17enne, come hanno messo a verbale alcuni ragazzi, era “assolutamente tranquillo e anzi euforico”. E avrebbe detto al fratello 15enne: “mi sa che ho accoltellato qualcuno”. E un teste lo ha descritto cosi’: “Non mi sembrava disperato, anzi era spavaldo”. Anche nei giorni e nelle settimane successive, si legge ancora, “i due fratelli” hanno “trascorso le loro giornate in condizioni di assoluta normalita’, con l’unica preoccupazione, loro e dei familiari, di non venir individuati e di sviare le indagini”. Il 17enne presunto autore dell’omicidio, tra l’altro, “ha diversi procedimenti pendenti”: furto e tentata estorsione nel 2018, tentato furto e minacce nel 2020, “oltre a un procedimento chiuso avanti al gip per lesioni aggravate” nel 2020. Il giudice evidenzia la “massima pericolosita’ sociale palesata dai due fratelli” con “una condotta cruenta e di massima offensivita’ che, di per se’, denota l’assoluta assenza di qualsivoglia rispetto per la vita altrui”. Da qui il pericolo di reiterazione del reato. 

Articolo precedenteVittuone, venerdì 17 il Mercato Contadino di Slow Food
Articolo successivoRicciardi torna a parlare… e chiede le mascherine. Ma va a ciapà i ratt