Migranti, Sinistra per Corbetta attacca Ballarini e dice Sì all’accoglienza

    75

    Riceviamo e pubblichiamo da Sinistra per Corbetta             

    All’AMMINISTRAZIONE COMUNALE di CORBETTA
                          

    Alla cortese attenzione   del Signor SINDACO M. Ballarini, della GIUNTA COMUNALE
               all’attenzione del      Sindaco e Vice Sindaco L. Giovannini in relazione alle rispettive deleghe e per conoscenza al    CONSIGLIO COMUNALE

    SINISTRA PER CORBETTA si rivolge all’Amministrazione Comunale per:
    · SEGNALARE che, esiste da tempo nel Magentino, nell’Abbiatense, come in tutti i Comuni di Italia, un’emergenza profughi e migranti, che pare non essere stata presa in considerazione dall’Amministrazione Comunale.
    Ne è un esempio la stampa cartacea locale che ormai, da diverse settimane, dedica ampio spazio all’argomento (*): in tutti gli articoli non viene mai menzionato il Comune di Corbetta, lo stato del confronto con le altre Amministrazioni locali, la sua posizione politica e le specifiche iniziative organizzative programmate (o allo ‘studio’).
    Riteniamo che, a breve, questa “emergenza” dovrà essere affrontata anche da questa Amministrazione e condivisa doverosamente con i cittadini che devono conoscere quale sia la posizione della Giunta rispetto ai Progetti SPRAR (Sistema di protezione dei richiedenti asilo e rifugiati) e quali iniziative si vogliono approntare, aprendo un confronto serio con la cittadinanza.
    ·SUGGERIRE all’Amministrazione Comunale di attivare al più presto uno o più canali di comunicazione con le Amministrazioni degli altri Comuni della nostra zona; Abbiategrasso, Arluno, Bareggio, Gaggiano, Mesero, Robecco S.N., ecc. (solo per citarne qualcuno, si parla del 90% …), da tempo hanno dato la propria disponibilità all’accoglienza di profughi e migranti, con tempistiche e modalità da concertare con la Prefettura di Milano.
    Vale la pena rammentare all’AC che da tempo molti Comuni hanno promosso riunioni, confronti con i cittadini; a titolo di esempio e non ultimo, il Comune di Albairate ha deciso di organizzare “una fase di ascolto (dei cittadini) per decidere…”, con una Assemblea Pubblica il prossimo mercoledì 17 maggio 2017, un giorno prima di rispondere alla convocazione del Prefetto e del Ministro dell’Interno per la firma del protocollo per l’accoglienza diffusa dei migranti, un patto per la distribuzione dei profughi sul nostro territorio.
    ·RECLAMARE nei comportamenti dell’Amministrazione Comunale che riteniamo inqualificabili ed inesistenti su un argomento così importante qual è quello dell’emergenza migranti.  

     


    La mancata informazione e coinvolgimento della cittadinanza corbettese, la scelta di far calare dall’alto decisioni importanti, né presentate né pubblicamente discusse, evidenzia, a nostro avviso, il timore e l’inadeguatezza dell’AC e del Sindaco di Corbetta a governare una problematica pubblica di questa rilevanza. Noi di “Sinistra per Corbetta” pensiamo che, se affrontata con coraggio e lucidità politica, le scelte dell’AC possano contribuire alla costruzione di un clima di collaborazione e di accoglienza diffusa dei profughi e dei migranti nella nostra realtà cittadina e tra tutti i Comuni della zona.
    Sinistra per Corbetta CHIEDE, per sé e per tutta la comunità corbettese, di essere messa al corrente delle iniziative politiche ed organizzative di questa Amministrazione, al fine di dare risposte concrete e plausibili a quella che per noi costituisce, sempre e comunque, una priorità in tema di “emergenza migranti”: un progetto sociale concreto e attendibile, per l’accoglienza e l’integrazione dei profughi, dei richiedenti asilo e dei migranti in genere.
    Corbetta è una città solidale che, senza rinunciare alla propria identità, punta alla difesa dei diritti e della dignità dei migranti, attraverso una seria inclusione e una diffusa rete sociale.

    Sinistra per Corbetta

    Articolo precedenteMagenta e i migranti: Bonfiglio (Lega), ‘così non va’
    Articolo successivoAbbiategrasso, i 5 Stelle: ‘L’immigrazione è un business’