Migranti sì, migranti no: due incontri martedì 20 giugno a Robecco e Santo Stefano

    45

    In contemporanea due incontri sul tema migranti nell’est Ticino.  A Robecco quelli del Sì, a Santo Stefano Ticino quelli del NO.

    L’Amministrazione comunale di Robecco sul Naviglio ha organizzato un incontro pubblico sul tema dell’accoglienza dei profughi. L’evento si svolgerà, martedì 20 giugno 2017 alle ore 21.00, nella Sala consiliare del Palazzo Municipale, in via Dante Alighieri, 21.

    Interverranno: Fortunata Barni (sindaco); Alfredo Punzi (assessore alle Politiche sociali), Don Massimo Mapelli (Caritas Ambrosiana), Paolo Petracca (presidente ACLI milanesi – Associazioni Cristiane Lavoratori Italiani), Milena Minessi (responsabile Area Rifugiati della Cooperativa sociale Intrecci). Lo scopo è di fare il punto su questo delicato tema di carattere sociale e di valenza territoriale, spiegare le ragioni dell’adesione al Protocollo di intesa con la Prefettura di Milano (siglato da 11 Comuni del Magentino-Abbiatense insieme ad altre 80 Amministrazioni della Città Metropolitana), le soluzioni possibili nel rispetto della normativa per garantire un’accoglienza equilibrata, sostenibile e diffusa dei richiedenti la protezione internazionale. All’incontro pubblico sono stati invitati anche i sindaci del territorio.

     A Santo Stefano Ticino, sempre martedì 20 giugno, alle 20,45 presso la sala consiliare, è stato organizzato un incontro di segno opposto.

    La tavola rotonda, promossa dall’Amministrazione comunale, tende a mettere in luce le ragioni del NO al protocollo di intesa con la Prefettura di Milano in tema di accoglienza dei migranti nel territorio.

    Oltre a diversi amministratori locali, sono stati invitati ad intervenire il Senatore Sante Zuffada, Massimo Garavaglia e Mario Mantovani, con gli On.li Luca Squeri e Marco Rondini. Attualmente, sono 58 i Comuni dell’area metropolitana, che non hanno sottoscritto il documento

     

     

    Articolo precedenteSanto Stefano Ticino: in 500 per la Traviata
    Articolo successivoSolennità di Santa Crescenzia: questa sera la processione del Corpus Domini