Metropolitana fino a Bareggio, Corbetta e Magenta: si va avanti

    19

     

     

    MILANO – Si è conclusa con l’impegno della Città metropolitana di Milano di farsi carico delle istanze presentate oggi dai firmatari della petizione per il prolungamento delle linee metropolitane M5 e M1 sull’asse viabilistico del territorio magentino (Cornaredo, Bareggio, Sedriano, Vittuone, Corbetta, Magenta) la Commissione consiliare Affari generali.

    <<La Città metropolitana è il luogo naturale, la casa dove i Comuni discutono e avanzano proposte. Siamo assolutamente d’accordo con i sindaci dei Comuni che abbiamo incontrato oggi: le loro proposte sono coerenti con i nostri strumenti di programmazione e di indirizzo, così come previsti nel nostro Piano Strategico. – Dichiara la vice sindaca metropolitana Arianna Censi – La vera questione concerne la riorganizzazione del trasporto pubblico locale, che va affrontata con l’obiettivo di aumentare le risorse per portare l’area metropolitana milanese a livello delle grandi aree metropolitane europee.>>

    Durante l’incontro, a cui erano presenti i sindaci dei Comuni interessati, i tecnici della Città metropolitana, tra le altre cose, hanno illustrato i presupposti tecnico-amministrativi relativi alla questione del prolungamento delle linee metropolitane, spiegando nel dettaglio i parametri generali previsti dalla legge e i relativi dettagli.

    Dopo l’incontro odierno, i sindaci promotori si sono impegnati a far pervenire tutta la documentazione necessaria a sostegno della loro proposta. La Città metropolitana, dal canto suo, si è impegnata a studiare soluzioni e proposte, anche alternative.

    <<Ci auguriamo di trovare nella nuova giunta regionale lombarda un interlocutore forte e sensibile che comprenda la centralità del tema del trasporto pubblico locale sul territorio metropolitano e sul fondamentale ruolo di coordinamento e programmazione della Città metropolitana di Milano>> ha concluso Arianna Censi.

    La Città metropolitana e i promotori della petizione si sono poi lasciati con l’accordo di rivedersi a breve.

    Articolo precedenteCorbetta, dal 5 all’8 aprile la Festa del Perdono 2018
    Articolo successivoLa Colombia ‘rigurgita’ l’accordo di pace con le Farc