Cultura/Tempo LiberoNews

Mesero: almeno in 5mila alla Notte Rosa

Sabato 30 agosto 2014 è andata in scena la prima edizione della “Notte Rosa” Meserese. Arte, cultura e divertimento per le vie del paese in una serata dedicata all’arte di strada.Il paese è stato invaso da spettacoli, artisti di strada e hobbisti creativi.

Difficile quantificare il numero di presenze, ma si parla di circa 5.000 persone che sono transitate per le vie di Mesero tra le 19 e le 2 di notte Sindaco_tagliodelnastrorosaUn successo oltre le aspettative per questa prima edizione che vuole essere un momento di intrattenimento per i cittadini oltre che un sostegno al commercio locale e all’economia legata al mondo dell’arte. I commercianti di paese hanno proposto spettacoli e organizzato cene “in rosa” mentre le associazioni hanno promosso le loro attività e coinvolto artisti di vario genere.

Alle 19.00 in Municipio c’è stato il taglio del nastro, rigorosamente rosa, da parte del Sindaco che ha dato il via alla manifestazione con una mostra di pittori e illustratori di arte contemporanea.

Poi musicisti, teatranti, acrobati, ballerini, mimi, truccabimbi sono solo alcuni degli artisti che hanno accolto positivamente la chiamata e si sono mischiati coi partecipanti.

Nastri, palloncini e luci rosa dalle finestre e sulle vetrine dei negozi.

Alle 22.00 sul palco centrale di Piazza Europa è andato in scena lo spettacolo di danza “Il piccolo principe” a cura della compagnia “DanzaControvento” che ha dato una chiave di lettura e insegnato, a grandi e piccini, a conoscere meglio i personaggi del romanzo di Saint-Exupéry.

Ma il momento più emozionante è  stato il lancio delle lanterne rosa. 300 lanterne infuocate sono partite da tutti gli angoli del paese verso il cielo, con un sottofondo musicale che ha commosso i presenti.

Alle 23.00, sempre sul palco centrale, è andato in scena l’evento principale con la compagnia DDweeco, la prima e unica compagnia italiana di percussioniste al femminile che salta su palchi europei e televisivi, venuta a Mesero per rendere ancora più scenografica la manifestazione.

Una prima edizione piena di sorprese che da il via alla valorizzazione dell’arte di strada per il prossimo anno in occasione della tradizionale festa di paese.

 

Dichiarazioni.

Sindaco Filippo Fusè.

“Questa prima edizione è stata un successo. Non ci aspettavamo un così alto numero di partecipanti e di coinvolgimento degli artisti. Un’iniziativa sicuramente da riproporre e far cresce col tempo, da realizzare in occasione del compleanno dei Meseresi, la festa di San Bernardo, da sempre prevista per l’ultimo weekend di agosto. Desidero ringraziare tutti gli artisti che hanno partecipato, gli organizzatori e i volontari, i commercianti e le associazioni senza il cui supporto questa notte rosa non sarebbe stata così bella e partecipata.”

L’Assessore a Cultura ed Eventi, Commercio ed Attività produttive Federico Scarioni.
“Con la cultura si mangia, eccome. È cibo per le nostre menti, per il commercio locale e per il mercato dell’arte. L’Italia è il paese con il valore di opere d’arte e monumenti più alto del mondo. Oltre al patrimonio materiale ci sono artisti, collaboratori, fornitori. C’è un mercato che da opportunità di lavoro e crea sviluppo. Anche nei piccoli centri come Mesero si deve partire da qui, per il rilancio della nostra cultura e il riscatto della nostra identità artistica. Il sogno è quello di valorizzare ancora di più questo evento cercando di portarlo ai livelli dei Festival di arte di strada come quelli di Sarnico e Viarigi.”

 

Related Articles

Back to top button

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi