Meno clandestini sbarcati? Meno reati, di Andrea Pasini

    42

    Finalmente. Non ne potevamo più proprio più! Il nostro paese stava arrivando al collasso. Le nostre strade, stazioni ferroviarie, periferie, città erano ormai invase da migranti extracomunitari che oziavano tutto il giorno degradando tutto ciò che li circondava. Dalla Libia di migranti  ne partono ormai sempre di meno. Non lo dico io ma lo dicono i numeri. Ormai il paese preferito dai trafficanti di essere umani è diventato la Spagna e indovinate un po’ da chi è governata? Dalla sinistra logicamente. La rotta Occidentale del Mediterraneo ha superato quella Centrale e questa è la novità che la maggioranza degli italiani aspettava ormai da anni. Ma anche sulle navi della Marina italiana impegnate nel pattugliamento del nostro mare, tastano con mano che qualcosa è ormai e per fortuna nostra cambiato. Nell’ultimo mese di pattugliamento dal Canale di Sicilia, alle coste della Tripolitania, al largo del Golfo della Sirte e sino alle zone a nord delle acque territoriali della Cirenaica, le navi della nostra guardia costiera non hanno  mai incontrato alcuna imbarcazione di migranti e neppure i battelli delle organizzazioni non governative internazionali. Se pensiamo che in una stessa situazione di  normale pattugliamento del nostro mare in un giorno qualsiasi circa un anno fa  potevano essere avvisati e recuperati in mare sino a una decina  di barche con circa 3.000 migranti a bordo. Pochi anni fa ricordiamo che in una sola operazione una nave militare recuperò  circa 1.500 migranti  in 24 ore.

    Quando governava la sinistra ogni giorno sbarcavano sulle nostre  coste centinaia se non migliaia di migranti, e ricordiamo che la maggior parte erano ragazzi di sesso maschile, di corporatura robusta, assolutamente non denutriti ma anzi in perfetta salute e con cellulare di ultima generazione al seguito. Per dirla in parole povere: non sembravano minimamente persone che stavano scappando o che avessero vissuto periodi prolungati patendo la fame e di guerra. Inoltre c’è da sottolineare anche il fatto che percentualmente le donne e i bambini sul totale dei migranti sbarcati e sopratutto censiti nel nostro paese sono di gran lunga inferiori agli uomini. Insomma, le cose sono molto diverse da quando per nostra disgrazia  governava la sinistra ad ora. La situazione è completamente cambiata da circa tre o quattro  mesi e cioè da quando a gestire il Ministero  dell’Interno è arrivato Matteo Salvini . Un cambiamento non nelle regole di ingaggio, che rimangono sempre le stesse, ma nella gestione complessiva del problema immigrazione. Ora la Libia è attiva con i suoi guardiacoste. E il merito, appunto, è anche degli accordi fatti con la Libia da Matteo Salvini. Ora I loro sistemi d’intervento sono strutturati, possono mantenere due o tre imbarcazioni sempre pronte in acqua e si dimostrano in grado di bloccare gli scafisti con i migranti prima che escano dalle 12 miglia delle loro acque territoriali. A Matteo Salvini va riconosciuto questo  grande merito di aver praticamente bloccato i quotidiani sbarchi di migranti sulle nostre coste. Matteo Salvini  ha detto e ripetuto più volte: che i porti italiani sono chiusi e nessuno, neppure le Ong, devono interferire col lavoro della Guardia costiera di Tripoli. Spetta a loro prelevare i migranti dai barconi e riportarli indietro. Per il momento almeno sembra che il problema sia radicalmente mutato e che il messaggio che Matteo Salvini con questa sua linea dura e corretta aggiungerei io, abbia voluto lanciare sia arrivato chiaro e deciso a tutti i delinquenti che fino ad oggi hanno lucrato con Il buisness dei migranti. Personalmente e penso anche a milioni di italiani sono veramente piaciute le parole che il Ministro ha dichiarato qualche giorno fa: “Faremo in modo che per gli immigrati clandestini si spendano sempre  meno soldi dei sacrifici degli italiani che preferiamo investire per migliorare il comparto sicurezza, così da rendere questo business vergognoso dei migranti  in Italia sempre meno conveniente per gli scafisti e ‘vicescafisti”. Queste sono le parole che da anni volevano sentire! Queste le azioni che volevamo vedere! Ed oggi Se qualcuno prova a lamentarsi  accusandoci di essere razzisti  noi rispondiamo senza paura che: i razzisti siete voi ! Avete calpestato la dignità e l’orgoglio di milioni di italiani, avete  speso miliardi di euro oltre che tante parole di conforto e di solidarietà. Vergognatevi voi che siete i veri razzisti del tricolore.

    Andrea Pasini- Trezzano Sul Naviglio

    Articolo precedenteCalati e gli ombrellini di via Pretorio: “Il Comune sta con il mondo del commercio ma le regole valgono per tutti…”
    Articolo successivo#Underumbrellas nuova puntata. Alemani: “Non abbiamo mai battuto cassa anzi…”