Magenta & medici di base, prosegue la bagarre: Gelli contro Salvaggio

166

Il Vice Sindaco: “Enzo Salvaggio ed il PD sbagliano citofono”.

MAGENTA – “Capisco che sia iniziata la campagna elettorale e che il candidato sindaco del centro sinistra voglia scaldare subito i cuore ai propri elettori, tuttavia, attaccare l’amministrazione comunale sulla tematica della mancanza dei medici di base, fa sorridere.

 

Citofonare Speranza, in sostanza. Ringrazio il candidato sindaco che si autoincensa per aver suonato non so quale carica e a chi; personalmente non ho bisogno di essere svegliato da chi, dal 2011 al 2017, mentre il centrosinistra tagliava 37 miliardi al comparto regionale sanitario, taceva fragorosamente.

Mi viene da pensare che Salvaggio, dopo anni di assoluto letargo sul tema, si sia svegliato perché candidato Sindaco. Invece, grazie proprio ai tanti amministratori locali, tra cui tutti noi, il Consiglio Regionale ha approvato un documento li si, che dà la sveglia al Ministro della Salute Speranza.

 

Credo che su questo tema, le stucchevoli provocazioni di Salvaggio, avrebbero dovuto lasciare il posto ad un lavoro insieme per il bene della comunità. Ho detto molto sinceramente che se invece di produrre un comunicato stampa al giorno, si fosse utilizzato quel tempo per alzare il telefono e contattare ad esempio i propri parlamentari, al fine di fare pressione sul Governo e sul Ministro, si sarebbe resa un’opera più meritoria per la comunità.

Nel mio piccolo l’ho fatto già da qualche tempo, senza aspettare che il candidato sindaco si svegliasse dal letargo degli anni scorsi.

Spero che la si smetta di attaccare, solo ed esclusivamente per fini elettorali, l’attuale amministrazione su un tema simile, ovvero che riguarda la salute dei nostri cittadini. Tutti facciano ciò che è in loro potere per arrivare quanto prima ad una modifica della situazione che lo ricordo, ha risvolti nazionali e non locali. La si smetta di dare colpe a chi non ne ha, solo per accaparrarsi qualche voto in più. Non si fa né il bene della comunità né il bene per la politica tutta”.

Articolo precedenteGrillini, sempre più in tilt: adesso la Forte attacca il suo ex ‘capo’ Beppe Grillo
Articolo successivoMilano sempre più “Far West”. Cecchetti: “Un altro accoltellamento in centro. Adesso basta”