McDonald’s entra a far parte di Filiera Italia grazie a Coldiretti

141

MILANO  – McDonald’s entra oggi a far parte di Filiera Italia, l’associazione nata con l’obiettivo di valorizzare l’industria agroalimentare italiana d’eccellenza e riunire per la prima volta i diversi protagonisti del settore agricolo italiano, da Coldiretti, agli attori dell’intera filiera, produttori, distributori e ristorazione.

Un passo significativo per una delle catene di ristorazione più diffuse nel Paese, da anni impegnata a investire sul territorio. Un ulteriore importante tassello che consolida e rafforza la partnership strategica tra Coldiretti e McDonald’s, grazie alla quale la catena parteciperà alle prossime tappe del Villaggio Coldiretti, la fiera dell’agroalimentare più autorevole del settore agricolo italiano; il primo appuntamento si è svolto in questi giorni a Milano, dal 30 settembre al 2 ottobre al Castello Sforzesco. La partecipazione all’evento è il naturale risultato del percorso di italianità intrapreso da McDonald’s ormai da diversi anni: oggi l’85% dei fornitori sono aziende italiane da cui vengono acquistate ogni anno circa 100mila tonnellate di prodotti per un investimento di quasi 240milioni di euro.

“Siamo davvero orgogliosi di entrare a far parte di Filiera Italia, che, come noi, ha a cuore la valorizzazione e tutela della nostra filiera agroalimentare mettendo in una logica di sistema tutti i suoi attori”, commenta Dario Baroni, amministratore delegato di McDonald’s Italia, che conclude:  “Oggi la filiera agroalimentare e’ diventata una filiera “lunga”, che include anche i canali di distribuzione a contatto con i consumatori, tra cui la ristorazione che, per la sua capacita’ di ascolto del consumatore, assume un ruolo chiave per trasferirne le esigenze agli anelli a monte. Per questo siamo lieti di accogliere McDonald’s all’interno di Filiera Italia”, osserva Luigi Scordamaglia, consigliere delegato di Filiera Italia. 

Articolo precedente‘Parco alpino Alfonso Latino’: 100 anni di penne nere ad Abbiategrasso, nel modo migliore
Articolo successivoTorna l’estate (o quasi) con le Ottobrate, da oggi