NewsStuzzicamenti

Massimo Cacciari: ‘Maradona nella categoria del mito, un eroe tragico ricco di umanità ed errori’

 

Il filosofo Massimo Cacciari ha rilasciato una bella intervista a Repubblica, ripresa da Dagospia, su Diego Armando Maradona.

Come l’amico Fidel Castro, Maradona è morto il 25 novembre. Come Fidel, Diego era come disse lui, «sinistro in tutto». Di piede, di fede, di cervello. E anche nella sua morte, secondo Massimo Cacciari, Maradona è stato «metafora e mondo».

Una coincidenza, Cacciari, che diventa un segno che li unisce per sempre.

«Oltre al 25 novembre e alla loro amicizia, Fidel e Maradona sono uniti dall’elemento mitologico che ha caratterizzato le loro vite. Si può dire che, consapevolmente o meno, sono state vite intessute sulla costruzione di una dimensione mitologica. Forse anacronistica, fuori tempo rispetto al nostro tempo».

diego armando maradona con fidel castro nel 2005

DIEGO ARMANDO MARADONA CON FIDEL CASTRO NEL 2005

Perché?

«Viviamo l’era della secolarizzazione, della desacralizzazione, e proprio per questo il mito, quando esiste e resiste, emerge con forza straordinaria. Fidel, ma anche Che Guevara e Maradona, hanno agito in campi diversissimi. Ma hanno avuto un forte punto di contatto, ossia l’ appartenenza alla cultura latino-americana».

Solo lì, cioè, Fidel, il Che e Diego avrebbero potuto essere “miti”?

«Quella cultura, e la loro mitologia si trovavano, si toccavano e si appartenevano. L’ esperienza politica del castrismo si è rivelata non esportabile, ma a Cuba si è caricata di un’ enorme funzione, anche tragica. L’ appartenenza è una radice, contiene tutto, l’ origine e lo sviluppo di un’ idea».

il cadavere di ernesto che fuevara esibito a vallegrande in bolivia

IL CADAVERE DI ERNESTO CHE FUEVARA ESIBITO A VALLEGRANDE IN BOLIVIA

La sua umanità, i suoi errori, non ne hanno sminuito il fascino.

«L’ essere mito ha bisogno di umanità, di troppa umanità, di errori, del doppio tragico dell’ eroe. Apollo è un dio diverso, perfetto, istruito, altero. Maradona era un Ermete, un Ulisse, era callidus , veloce di gambe e di pensiero».

Più che un pubblico, Maradona ha avuto un popolo con sé.

«Nessuno sportivo ha avuto un potere così grande e una grandezza così ingovernabile. Forse solo Muhammad Ali, e come lui Maradona ha vissuto un decadimento fisico che è parso determinato dal destino. Pelé no, lui è un eroe borghese, un calciatore grande e basta. Maradona è stato un capopopolo. Ed è morto in modo tragico, come Che Guevara.

Questo lo rende immortale. Non importa se la morte sia stata decisa in qualche modo dai suoi eccessi. Da eroe è stato vinto da un fulmine divino».

Di seguito il link all’intevista completa.

https://www.dagospia.com/rubrica-29/cronache/quot-maradona-nell-39-era-secolarizzazione-mito-emerge-254083.htm

 

Redazione

Redazione Ticino Notizie

Related Articles

Back to top button

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi