Marcia per la Pace, appuntamenti a Sedriano e Robecco

    166

    Riceviamo e pubblichiamo

    Aspettando la Marcia per la Pace Perugia-Assisi

    ROBECCO SEDRIANO – In attesa della partenza dei pullman per la marcia Perugia-Assisi del prossimo 7 ottobre (partenza da Sedriano alle ore 10 di sabato 6 ottobre. Per informazioni e iscrizioni Rita Dorigo, cell. 3472241032, ritadorigo@alice.it) fervono i preparativi per due appuntamenti a livello locale.

    Sono infatti state definite le 6 tappe (+1) della marcia della Pace “Uomini e donne in cammino” che si terrà a Sedriano domenica 23 settembre (l’appuntamento è alle ore 14,30 all’Oratorio “S. Luigi” in via S. Remigio 15):

    1. La guerra
    2. Aiuto!!!
    3. Abbattiamo il muro
    4. Sporchiamoci le mani
    5. La Pace è una festa
    6. Sognando l’arcobaleno
    7. Ed ora tocca a te!

    La Marcia vuole anche essere un gesto concreto; con le iscrizioni (5 € per gli adulti, 3 € per i bambini), vogliamo infatti sostenere il progetto-pilota dei “Corridoi Umanitari per i profughi”, realizzato dalla Comunità di Sant’Egidio con la Federazione delle Chiese Evangeliche in Italia e la Tavola Valdese.

    Invitiamo quindi tutta popolazione a partecipare, perché, con i tempi che corrono, è davvero importante e urgente rimettersi in cammino sulla via della Pace.

    Ma non basta.

    Venerdì 28 settembre a Robecco (Sala consiliare, ore 21) si terrà un incontro pubblico, organizzato con le ACLI di Zona e con l’Amministrazione comunale, sulle ragioni della Marcia Perugia-Assisi, con la presenza di Maria Rosa Belotti, presidente del Coordinamento milanese “La Pace in Comune”.

    Durante la serata, sempre per essere concreti, sarà inoltre presentata la campagna “Welcoming Europe”, che vuole raccogliere un milione di firme in Europa per richiedere al Parlamento europeo di cambiare rotta, perché noi vogliamo:

    • decriminalizzare la solidarietà (salvare vite non è reato)
    • creare passaggi sicuri
    • proteggere le vittime di abusi (i diritti umani sono inviolabili)

    Articolo precedente“Diesel Euro 3”: dal Consiglio regionale una richiesta di buon senso. “Escludere dal blocco veicoli a bassa frequenza”
    Articolo successivoLa sostenibilità del Gruppo Cap al Milano Film Festival