CronacaNews

Marcallo con Casone, San Marco: è qui la festa

Tutto pronto per la 34 esima edizione. L'ultima da Sindaco per Massimo Olivares

MARCALLO CON CASONE – San Marco e Marcallo con Casone, da sempre si tengono per mano fondendo venerazione e storia del paese. I riscontri? Molti. Cittadini che all’anagrafe accompagnano il proprio cognome a Marco. L’oratorio, la via che dal centro porta verso est, il Corpo Musicale, perfino la casa di riposo di via Roma si è onorata del titolo di San Marco e ultimamente anche il Centro Culturale è stato accarezzato dal nome del Santo evangelista. Sarà merito dello stessa radice che ha reso il flirt indissolubile? Forse. Però, se San Marco si pronuncia in aprile o nei mesi attigui, allora la mente ha un solo pensiero: la “Fiera”, con tanto di maiuscola.

Una rassegna che, da modello generalista è passata in pochi anni a fiera legata a tematiche territoriali, storiche, ambientaliste. Tanto che, nel 2006, la Regione Lombardia non esitò a conferire alla “San Marco” il prestigioso riconoscimento di Fiera Regionale, inserendola tra le più importante del territorio. Quest’anno, alla sua 34^ Edizione è anche la ultima da Sindaco per Massimo Olivares. Ancora una volta il 25 Aprile non ci sarà da annoiarsi con tante proposte. Oltre al far brillare di notorietà il paese, aggregando i marcalcasonesi ai forestieri, poserà l’accento su cultura, tradizioni ed ecologia.

Di primo mattino il taglio del nastro darà il via alla kermesse. L’area San Marco ospiterà la Santa Messa. Al termine, prima di dare il via al corteo verso il monumento dei caduti per la deposizione dei fiori, i ragazzi della Scuola Agraria del Parco di Monza inaugureranno l’area verde. Nel cortile del Comune, fulcro della Fiera, ogni bimbo nato nel 2018 riceverà un alberello e poi laboratori, Agenda 21, mostra sul clima ed esposizioni varie. Per le vie del paese sarà un brulicare di bancarelle merceologiche. Al Parco Ghiotti, il Festival dell’Insubria, iniziativa collaterale di cinque giorni, assocerà le radici profonde con il folclore e la musica. Numerosi gli angoli di ristoro. Nell’area cani, i nostri amici a quattro zampe, da mattina fino tardo pomeriggio si esibiranno assieme ai padroni in attività ludiche. In piazza Macroom, giostrine e gonfiabili faranno felici i più piccoli. E a sera, chiusura in bellezza con lo spettacolo delle fontane danzanti in fondo a via Manzoni.

 

 

Tag
Vedi Altro

Redazione

Redazione Ticino Notizie

Potrebbe Interessarti

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
Close

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi