Manuel Vulcano: “Ho accettato di metterci la faccia”

    59
    RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO – “Gli stessi partiti e personaggi che hanno governato il nostro paese negli ultimi vent’anni oggi tornano in scena con promesse grossolane, spesso contraddittorie e impossibili da attuare. Chi ostenta apparente diversità nella forma, poi nel programma reale e nella sostanza si rivela privo di differenze rispetto ad altre formazioni. 
    Nell’incertezza di questa campagna elettorale ciò che manca è probabilmente una prospettiva di lungo termine su come immaginiamo o vorremmo che fosse l’Italia del futuro.  
    Per Italia intendo noi, i cittadini, i valori, la conoscenza, un pensiero critico, la solidarietà, il nostro agire quotidiano, il lavoro, la nostra terra, i beni comuni, la condivisione. 
    E’ palese che manchi un vero progetto, tutto si gioca nell’immediatezza dell’offerta artificiosa senza che vi sia alcuna pianificazione seria e alternativa del domani, nessuna linea, nessuna prospettiva. La conseguenza è quella di appiattirci ulteriormente sul presente sistema economico e dunque continuare a generare pochissimi ricchi da una parte e sempre più poveri dall’altra, in mezzo al vuoto.

    In questo deserto, Potere al Popolo è un’oasi interessante che mette insieme diverse realtà di lotta con un programma ambientalista, femminista ed economicamente alternativo.
    Beni comuni, ambiente, cultura, sanità ed economia sono il cuore del programma con la prospettiva di muovere il nostro paese verso una nuova rinascita generale.
    Con la forza delle assemblee nei territori, dei militanti dei cittadini e senza alcun palcoscenico mediatico di rilievo, Potere al Popolo è riuscito a crescere e farsi conoscere ovunque. Il vero punto di forza è proprio quello economico poiché dopo decenni in cui il nostro paese ha subito la perdita di sovranità a vantaggio di poteri forti, lobby, banche, imprese transnazionali, e mafie, si propone che siano i cittadini a diventare protagonisti e decidere dei loro territori, che i settori strategici ritornino sotto il controllo dello stato e che si investa in ricerca, sviluppo, mobilità sostenibile e benessere diffuso.

    Per provare a fare ciò bisogna rilanciare la nostra Costituzione e rompere con i trattati dell’Unione Europea che hanno tolto sovranità popolare, rimuovere il vincolo del pareggio di bilancio, creare un imposta sui grandi patrimoni, ripristinare la progressività del sistema fiscale e affrontare una lotta seria contro la grande evasione fiscale. 

    Io ho accettato questa sfida, coerente con i miei valori ed ho deciso di impegnarmi, di metterci la faccia.
    Manuel Vulcano
    Candidato alla Camera dei Deputati
    Potere al Popolo
    Articolo precedenteAbbiategrasso VUOLE la riapertura del Ps: ‘pienone’ in Castello
    Articolo successivoChe bontà, la pausa pranzo al Forno e Sapori di Magenta!