Malpensa, due manifestazioni della Rete Comitati per informare i cittadini

    71

    Riceviamo e pubblichiamo

     

    MALPENSA –  I comitati aderenti alla Rete Comitati Malpensa sono sempre più preoccupati del futuro di questo territorio, in riferimenti alle “mire espansionistiche” dell’aeroporto e all’incapacità degli organi istituzionali e degli enti preposti alla programmazione del territorio e alla difesa della salute di farvi fronte.

    Quanto è accaduto e quanto sta accadendo in questi tre mesi di chiusura di Linate ha purtroppo messo in luce che la programmazione del territorio è decisamente in mano a delle
    aziende private, siano esse le compagnie aeree o la SEA.

    Gli enti pubblici si dividono equamente tra quanti non riescono ad avere la capacità di relazionarsi con l’aeroporto e con i suoi effetti dati dalla volontà di espansione e quanti appoggiano ciecamente, in nome del mercato che richiede solo nuovi aumenti dei numeri di passeggeri e merci, qualunque opzione venga messa in campo dai gestori aeroportuali.

     

    Malpensa è cresciuto per anni senza che mai sia stata approvata una Valutazione di Impatto Ambientale (men che meno una VAS) e riesce ancora oggi ad operare in funzione di un decreto del 1999 che “sanava” una bocciatura del progetto “Malpensa2000” operata dai Ministeri competenti.

    È ormai sufficientemente chiaro che questi 3 mesi saranno utili a SEA per comprendere gli impatti sull’infrastruttura di un aumento già ben descritto nei due Masterplan presentati dalla società fino ad oggi e mai portati a termine.

     

    I sottoscritti Comitati intendono muoversi in questi mesi per
    comunicare con i cittadini residenti in questi territori, dare loro
    informazioni e fare proposte in merito agli strumenti che gli enti
    pubblici devono adottare per chiarire il ruolo dell’aeroporto e
    quali sono le capacità di sopportazione del territorio.

    A tal fine si stanno organizzando per due momenti di
    comunicazione e coinvolgimento che si terranno a Settembre: il
    primo si realizzerà attraverso un Convegno aperto al pubblico il
    giorno Sabato 21 dalle 14:30 alle 19, il secondo in una
    Assemblea Pubblica, la settimana successiva, mercoledì 25
    Settembre, dalle ore 20:45, in cui si darà ampio spazio al
    dibattito pubblico ed alla esposizione di quanto comunicato
    durante Convegno.

    Vogliamo ancora qui ricordare che la sentenza “Quintavalle” aveva già definito i termini della “convivenza” tra l’aeroporto ed il territorio, certificando un “disastro ambientale”, e la VAS
    volontaria del Parco del Ticino che analizzava tutti i progetti di infrastrutture insistenti sul nostro territorio: da lì dovrebbe ricominciare l’azione di ogni cittadino e di ogni suo rappresentante.

    RCM – RETE COMITATI MALPENSA
    Associazione Viva Via Gaggio
    Cittadini Arsaghesi
    Comitato dei Cittadini di Varallo Pombia Aereoporto Malpensa
    Comitato Difendere Somma
    Comitato Diritto alla Salute del Varesotto
    Comitato SalviAMO la Brughiera
    COR 2 – Coordinamento fra Comuni di Seconda Fascia
    Malpensa
    COVEST – Comitato Ovest Ticino
    Legambiente Circolo “E. Ferrario” di Gallarate
    Uni.Co.Mal. – Unione Comitati Malpensa

    Articolo precedenteMaltempo e sciopero dei casellanti, esodo pesante per gli italiani
    Articolo successivoMagenta, decisione Tar. Salvaggio: “Mettano per iscritto le motivazioni di ordine pubblico che impediscono di concedere uno spazio agli islamici”