#Magentameritadipiù: lettori segnalateci le foto del degrado cittadino

    93

    MAGENTA –  Cari lettori in questo mese di agosto vi chiediamo di darci una mano nel segnalare le situazioni di degrado diffuso presenti nella nostra città. Abbiamo così volutamente pubblicato due istantanee che certo non fanno fare bella figura alla ‘Città della Battaglia’. In evidenza l’incrocio tra la Via dello Stadio e la via Milano, all’altezza dell’Inps, dove da ormai qualche settimana si è verificato un brutto incidente, i cui resti sono ancora lì da vedere. 

    Sotto la bellissima fontana che sorge dinanzi al complesso ex Laminati, già al centro di svariate polemiche rispetto alla sua manutenzione,  il cui colore si commenta da solo.

    Purtroppo sono argomenti di cui spesso si dibatte sui social network. Talvolta, in maniera aggressiva, e andando un po’ sopra le righe. Noi lo vorremmo fare in modo pacato ma risoluto al tempo stesso. Perchè Magenta merita di più. Sappiamo benissimo che in alcuni casi queste situazioni di degrado urbano e d’inciviltà non sono di responsabilità dell’Amministrazione comunale. Ma in altri casi, è altrettanto vero che c’è una sciatteria diffusa che non ci piace affatto. E così ognuno deve fare la sua parte. Cittadini e istituzioni insieme. 

    Vi chiediamo così d’inviarci via mail a redazione@ticinonotizie.it o anche attraverso l’indirizzo di posta della pagina Facebook di Ticino Notizie le situazioni d’incuria e abbandono presenti a Magenta e nelle sue Frazioni. Con una postilla di fondo affatto secondaria: laddove gli incivili siano colti in flagranza, cari cittadini denunciateli  senza esitazione alle autorità competenti. Diversamente, almeno in parte, sarete corresponsabili della situazione attuale. Perchè in alcuni casi, lamentarsi non basta.

    F.V.

     

     

     

    Articolo precedenteDalla Regione uno sportello a sostegno della digitalizzazione dei Comuni lombardi
    Articolo successivoLegambiente, speciale dossier Laghi del Nord 2019: microplastiche e mancata depurazione le maggiori minacce per laghi e fiumi