Magenta URBANAMENTE ai nastri di partenza: il 21 ottobre il primo appuntamento con Elena Marta

381

MAGENTA – Venerdì 21 ottobre 2022 l’Associazione Urbanamente di Magenta dà inizio alla stagione culturale UrbanaMenteCultura 2022/23. Sette incontri per riflettere su: “Infinitudine. Il limite, l’oltre.”

L’attività di progettazione dell’associazione coinvolge da qualche anno non solo soci ma anche docenti e collaboratori che operano sul territorio. Dall’incontro di opinioni ed esperienze diverse, dalla convergenza di un sentire comune, è emersa l’attualità della riflessione che proponiamo.

In questo tempo, segnato non solo dalla pandemia ma da eventi oltre ogni ragionevole aspettativa, il senso della finitudine, l’esperienza della sofferenza, dell’isolamento, della morte e poi della guerra ci interrogano.

Perché parlare di finitudine e non di vita, di vivacità, di creazione, di bellezza?

Che cosa significa stare nella finitudine? Dove abita l’infinito? Perché parlare di limite in un tempo di possibilità illimitate?

La riflessione ci porterà dentro questo paradosso, dentro l’avventura del limite, per scoprire la dimensione dove si rivelano possibilità, parole, desideri, domande, responsabilità e ulteriorità nuove.

Venerdì 21 ottobre 2022 alle ore 21 al CinemateatroNuovo, via San Martino 19, Magenta si terrà il primo incontro. Tema della conversazione: Ricerca di autenticità, timori e voglia di comunità: le ambivalenze dei giovani, sfide per le generazioni adulte.”

Relatrice sarà Elena Marta, professore ordinario di Psicologia sociale e di comunità, Facoltà di Psicologia, Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano e Direttore del Centro di ricerca sullo sviluppo di comunità e la convivenza organizzativa (Cerisvico), Università Cattolica del Sacro Cuore di Brescia.

La transizione all’età adulta – per adolescenti e giovani – è un percorso faticoso, specialmente in questo momento storico connotato dalle sfide della pandemia e del conflitto russo-ucraino. Il mondo adulto può farsi da parte? Quali responsabilità nel promuovere la transizione?

 

 

La riflessione trarrà spunto dalle ultime indagini dell’Osservatorio Giovani dell’Istituto Toniolo – Rapporto Giovani e Generazione Z – per descrivere come sono cambiate in questi anni la generazione degli adolescenti e quella dei giovani – quali sono i sogni, i bisogni, le paure – e come questi cambiamenti sfidano il mondo adulto. La prospettiva di lettura è quella relazione intergenerazionale e comunitaria, combinata con l’approccio dello sviluppo positivo dei giovani, che li considera risorsa anziché problema per il Paese.

L’ingresso è libero.

Link per seguire l’evento live su Youtube: https://youtu.be/nTsVLvbD7ag

Articolo precedentePROGETTI INTERREG: dalla mobilità sostenibile alla riconnessione territoriale tra Svizzera e Lago Maggiore
Articolo successivoIng Italia contro il ‘caro vita’: un contributo da 1.000 euro per tutti i suoi dipendenti